La forza dello sport, per riabilitare corpo e mente

Santo Stefano 2' di lettura 28/10/2017 - Oltre 250 studenti presenti all’iniziativa. Per la città europea dello sport e del basket, una mattinata trascorsa insieme alla società portopotentina che da oltre 40 anni milita ai massimi livelli del basket in carrozzina.

Hanno provato anche a fare la partitella alcuni studenti intervenuti oggi al PalaCampanara per prendere parte alla mattinata dedicata alla sensibilizzazione nei confronti della disabilità. E si sono resi conto che non è così facile giocare a basket in carrozzina. Ci vuole grinta, tenacia e volontà. Ma anche tanta passione per lo sport.

Erano oltre 250 i ragazzi - di quattro scuole superiori pesaresi - che stamattina hanno preso parte all’iniziativa alla quale sono intervenuti tra gli altri il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli, nonché fratello del coach della formazione Santo Stefano Ubi Banca di Porto Potenza Picena, Roberto Ceriscioli, gli assessori comunali Mila Della Dora (sport) ed Enzo Belloni (operatività), la dirigente dell’Ufficio scolastico provinciale Marcella Tinazzi, il medico sociale della VL basket Piero Benelli, il presidente della VL Ario Costa e due giocatori del team biancorosso, Serpilli e Ancellotti, il delegato provinciale del Coni Alberto Paccapelo, il presidente del consiglio comunale Andrea Nobili. Presente la formazione del Santo Stefano al completo, che la prossima settimana sarà impegnata nella prima partita di campionato di serie A, ai nastri di partenza.

La manifestazione è stata anche occasione da parte dei giocatori di parlare agli studenti di disabilità, dell’importanza di fare sport per chi vive una situazione di difficoltà, del potere riabilitativo dello sport sia per quanto riguarda il fisico sia la mente. A spiegare le regole del basket in carrozzina ci ha pensato il coach Roberto Ceriscioli, poi un gruppo di studenti - ragazzi e ragazze del liceo scientifico Marconi, del classico Mamiani, artistico Mengaroni e istituto di agraria Cecchi -, è sceso in campo per provare a giocare con le carrozzine.

L’iniziativa di Pesaro è stata organizzata dai tifosi della squadra portopotentina, in collaborazione con il Comune di Pesaro, al termine, giocatori e tifosi si sono ritrovati a pranzo all'istituto agrario Cecchi di Villa Caprile.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-10-2017 alle 14:54 sul giornale del 29 ottobre 2017 - 1313 letture

In questo articolo si parla di basket, sport, pesaro, Comune di Pesaro, santo stefano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aOq8





logoEV
logoEV