"Diario di una profuga", il racconto della pittrice montelabbatese Jole Guidi Zambonini

Jole Guidi Zambonini 1' di lettura 18/10/2017 - Venerdì 20 ottobre alle ore 19, presso la “Sala degli Specchi” dell’Alexander Museum Palace Hotel di Pesaro (Viale Trieste, 20), sarà presentato il “Diario di una profuga” della pittrice montelabbatese Jole Guidi Zambonini (1882-1955): un lungo e appassionato racconto in cui l’autrice narra le vicissitudini affrontate con la figlia Clara e la nipote Vanna per sfuggire ai pericoli e alle atrocità della guerra.

Conservato per settant’anni dentro un baule nell’abitazione della pittrice, questo diario costituisce una testimonianza importante non solo dal punto di vista biografico, ma anche per le tante vicende inerenti il nostro territorio, narrate attraverso una scrittura raffinata e analizzate da un animo dotato di una sensibilità straordinaria. L’opera ha visto la luce per volontà di Isabella Guarino, pronipote dell’autrice, e grazie al generoso contributo accordato dalla Società Operaia Maschile di Montelabbate in occasione del 125° di fondazione.

Nel corso dell’incontro Roberto Rossi - curatore del volume - oltre ad illustrare l’opera e la figura di Jole Guidi Zambonini, parlerà anche del lavoro che si sta compiendo per restituire alla produzione artistica di questa pittrice dimenticata il pieno e giusto riconoscimento.


da Mons Abbatis
Associazione culturale





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-10-2017 alle 01:58 sul giornale del 19 ottobre 2017 - 1678 letture

In questo articolo si parla di cultura, pesaro, montelabbate, associazione culturale, mons abbatis, Jole Guidi Zambonini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aN6O





logoEV
logoEV