L’eterna novità del Mondo, mostra artistico-documentaria all’Archivio di Stato

2' di lettura 02/10/2017 - In occasione della Domenica di Carta 2017, indetta dal Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo, l’Archivio di Stato di Pesaro Urbino organizza una mostra artistico-documentaria dal titolo: “L’eterna novità del Mondo", a cura di Cecilia Casadei e Roberto Domenichini.

L’immaginario dell’Arte che si ispira ad una natura intima e profonda, le astrazioni della pittura, dell’incisione e l’espressione della fotografia in dialogo con i documenti della Storia. In mostra tre linguaggi del contemporaneo con trenta opere che hanno in comune l’amore per il segno, per un “frammento” e la dimensione del vuoto che diviene materia in uno spazio bianco come sospensione, luogo della mente. Nelle tele di Renato Bertini il gesto pittorico, essenziale e sublime, rimanda alla luce di un’alba, alla scia di una nuvola in un cielo che cambia, di un’onda che accarezza la riva, con un ritmo che esprime il divenire delle cose tutte.

Le incisioni di Adriano Calavalle e la fascinazione del segno per raccontare una natura attraverso immagini come focus di un film. Come visione di chi sta alla finestra del Mondo. Messaggio In bianco e nero come solo i poeti sanno fare. Alessando Giampaoli e l’espressione di un’arte che raccoglie in una dimensione filosofica gli aspetti più reconditi della Natura per trasformarli in visioni dove è presente l’uomo. Immagini create attraverso un elegante racconto a costruire un ponte fra Ente ed Essere, fra “Essere e tempo”, per una fotografia che si fa pittura.

Scopo della mostra documentaria è quello di rilevare l’intervento dell’uomo nel corso dei secoli (in concreto, dal tardo Medioevo al primo Novecento) per la difesa della natura (ad esempio la conservazione delle macchie, delle selve, delle aree destinate al pascolo) ed anche per la difesa dalle calamità naturali, quali inondazioni, frane, trombe d’aria, burrasche marine etc. La documentazione esposta si riferisce al territorio marchigiano, in particolare a quello dell’antica Legazione di Urbino e Pesaro, dove costante è parso l’impegno di amministratori e privati cittadini per la salvaguardia della viabilità e dell’ambiente naturale, stante la preminenza dell’agricoltura (e della pesca) nell’economia del passato.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-10-2017 alle 15:41 sul giornale del 03 ottobre 2017 - 606 letture

In questo articolo si parla di cultura, pesaro, archivio di stato di pesaro

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aNzm





logoEV
logoEV