Difficile esordio per la Vuelle contro Brescia, Leka: "Siamo coscienti che sarà dura"

Vuelle Pesaro 5' di lettura 30/09/2017 - Esordio col brivido per la Vuelle nel campionato che va ad incominciare. La Germani Basket Brescia, che affronterà domani sera i biancorossi sul parquet dell’Adriatic Arena, è infatti una squadra d’alto livello tecnico, molto talentuosa e ben attrezzata in tutti i reparti, e soprattutto ha un roster molto esperto ed affiatato, visto che la società bianco-blu ha riconfermato gran parte della formazione che si è ottimamente comportata nella scorsa stagione.

Proprio quello che la Vuelle non riesce più a fare ormai da anni, viste le difficoltà economiche nelle quali la società biancorossa versa dalla fine dell’ ”era Scavolini”, che la costringono a rinunciare sempre a tutti quei giocatori che meglio si sono battuti in ogni campionato. Basti solo citare il caso di Andrew Nnoko, che dopo la bella stagione disputata in maglia Vuelle è approdato addirittura in NBA. Ed è evidente che cambiare ogni anno quasi tutto il roster crea sempre grossi problemi in fatto di affiatamento, coesione del collettivo e maturità di squadra.

Se poi, in piena fase di preparazione al campionato, uno dei giocatori scelti come componente dello starting-five decide di far fagotto e tornarsene a casa, non rispettando il contratto appena firmato, allora davvero si può concludere che questo inizio di stagione non sarà certo dei più agevoli per la Vuelle. Torniamo comunque alla gara d’esordio dei biancorossi, che dovranno affrontare davanti al proprio pubblico la Leonessa Brescia di coach Diana. Una squadra che ha dimostrato di essere già in gran forma, disputando ottime gare di pre-season guidata da due forward del calibro di David Moss, che però sarà assente contro la Vuelle per problemi fisici, e di Marcus Landry, quest’ultimo nominato MVP dello scorso campionato. Ma Brescia è molto forte anche nel settore guardie, con Luca Vitali e Lee Moore in grado sia di dettare buoni giochi offensivi in cabina di regìa, sia di risultare molto pericolosi nell’attaccare il ferro.

Sotto canestro, i bianco-blu possono contare anche sull’atletismo del centro Hunt e sulla combattività di Sacchetti, per cui, se la Vuelle vorrà davvero coltivare buone speranze di vittoria, dovrà lottare durissimo soprattutto in difesa nell’area pitturata, oltre che gettare in campo tutto il suo orgoglio e la sua combattività per regalare una serata di festa ai suoi grandi tifosi.

Così descrive lo stato d’animo della sua squadra la presidentessa della Germani Brescia Graziella Bragaglio: “Siamo tutti pronti e caricati al massimo per affrontare il nostro secondo campionato in Serie A . Veniamo da una stagione positiva, in cui abbiamo raggiunto una salvezza tranquilla, abbiamo disputato la Final Eight di Coppa Italia e solo una lunga serie di infortuni non ci ha permesso di raggiungere qualcosa di più. Quest’anno abbiamo avuto modo di programmare al meglio la fase di pre-campionato, e siamo quindi pronti e ben preparati per provare a confermare quanto abbiamo fatto di buono nella scorsa stagione, ed anche ad alzare l’asticella per portare a casa qualche risultato in più. Un anno fa entravamo nella Serie A come ultimi arrivati: in questi dodici mesi abbiamo dimostrato di poterci stare bene e vogliamo rimanerci il più a lungo possibile. Affronteremo Pesaro con la determinazione e la carica che ci ha contraddistinto in questo mese di grande lavoro. Lo sport non dà certezze, quelle dobbiamo cercarle dentro di noi, dimostrando tutta la voglia di portare a casa un primo risultato positivo”.

Non nasconde le grandi difficoltà che attendono i suoi in questa prima partita di campionato il coach biancorosso Spiro Leka: "Ricominciamo dalla stessa avversaria dell'anno scorso in gara 1. Irvin se n'è andato e non è stato ancora possibile trovare un elemento valido che possa sostituirlo, ma per far fronte a questo problema ci attendiamo anche un grande contributo dal nostro pubblico. Siamo coscienti che sarà dura: contro una squadra forte e compatta come la Germani Brescia, dobbiamo fare qualcosa di straordinario per sopperire all'assenza di un’ala titolare ed alla mancanza di nuovi equilibri. In ogni caso, arriviamo pronti a questa sfida di inizio stagione, perché abbiamo lavorato bene in allenamento per tutta la settimana. Spero nell'atteggiamento giusto da parte dei ragazzi: la prima partita infatti è sempre a rischio emozioni, e starà quindi a noi superare questo momento molto delicato. Del resto, anche in precampionato non abbiamo giocato mai al completo, perché prima mancava Mika e adesso se ne è andato Irvin. Vedendola in positivo, tutto ciò ha dato molto spazio a Serpilli, che ha fatto vedere davvero buone cose in campo, anche se deve fare molti altri passi in avanti a livello tecnico e fisico per assicurare alla squadra un contributo sul quale poter sempre contare.

Quanto a Brescia, parte da oltre metà della squadra confermata dall'anno scorso. Luca Vitali è uno dei migliori playmaker italiani, Landry è stato il miglior giocatore della stagione 2016/17, e Brian Sacchetti secondo me è proprio un professore di basket, che entra in squadra dalla panchina ma poi può giocare anche da 4 e da 5, oltre che da 3. L’esperienza e l’atletismo del pivot Hunt, ex Caserta e Capo d'Orlando, e l’efficacia offensiva di Moore, che è una vera scheggia in attacco, sono altre armi micidiali della formazione bresciana. Per metterli in difficoltà, dovremo soprattutto fare scelte giuste in difesa. I cambiamenti del roster in pre-season non ci hanno di certo avvantaggiato nel consolidamento dell'assetto della squadra, ma i ragazzi hanno lavorato tantissimo senza sosta per un mese intero, ed è naturale che abbiano avuto degli alti e bassi. Da domenica, però, dovremo dare battaglia con tutti i mezzi tecnici e fisici che potremo mettere in campo. Noi dobbiamo raccogliere punti a tutti i costi, mentre la società sta lavorando con impegno per trovare il giocatore che ci manca per completare la squadra".


La parola passa ora al parquet dell’Astronave. Lo scorso anno l’esordio contro Brescia fu una serata di grande soddisfazione per tutta Pesarobasket: ma stavolta ci vorrà quasi un miracolo per ripetere l’impresa.






Questo è un articolo pubblicato il 30-09-2017 alle 00:51 sul giornale del 01 ottobre 2017 - 1100 letture

In questo articolo si parla di basket, sport, pesaro, vivere pesaro, sport pesaro, vuelle, Alberto Pisani, articolo, consultinvest pesaro

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aNvJ





logoEV