La Foresta che Avanza: situazione di totale degrado del parco Miralfiore

Anfiteatro parco miralfiore Pesaro 2' di lettura 05/03/2017 - "Abbiamo appreso dai giornali della nuova crociata dell'amministrazione Ricci contro il degrado, sia esso urbano che sociale - scrive in una nota Anna Anastasi - e non possiamo che chiederci se la stessa ha varato un piano per tamponare la situazione del parco Miralfiore, in balia di spacciatori, criminali, prostituzione. Se lo scopo della nuova ordinanza è dare al turista un'immagine decorosa della città, i parchi cittadini devono essere fra i primi beneficiari, in primis per i cittadini pesaresi che li frequentano quotidianamente."

"Il parco Miralfiore è uno dei salotti verdi della città ma ha raggiunto livelli di degrado intollerabili - continua la Anastasi - la cronaca locale ci parla sempre più spesso di spacciatori stranieri fermati e poi rilasciati, ora apprendiamo che il parco è luogo di elezione per gli incontri sessuali dello stesso sesso, finiti spesso con rapine e violenza da parte degli stranieri adescati. Mentre la cura per il verde è scrupolosa, altrettanto non si può dire per la sicurezza di chi ne fruisce."

" Il parco è accessibile ad ogni ora perché il cancello di accesso é rotto da tempo e la società Marche Multiservizi, che ha in gestione il parco e il controllo dello stesso, è in evidente difficoltà nella gestione del degrado sociale - afferma la responsabile della Foresta che Avanza -facendo affidamento su un personale di ausilio che interviene solo in caso di chiamata e non presidia l'area con costanza. Il problema del degrado non riguarda solo il Maralfiore ma anche il noto Parco XXV aprile, puntualmente terreno di elezione di rom che saltuariamente vengono scacciati per poi ritornare."

" Chiediamo che sia restituito ai pesaresi uno spazio verde decoroso, sicuro e vivibile - conclude la Anastasi - e che gli interventi di " guerra al brutto" non riguardino solo il centro storico e le zone turistiche gravando sui privati, ma che partano dai beni di proprietà del Comune, un patrimonio che lo stesso ha il dovere di conservare in modo degno per la collettività che ne usufruisce."


   

da La Foresta che Avanza





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-03-2017 alle 15:14 sul giornale del 06 marzo 2017 - 6781 letture

In questo articolo si parla di attualità, pesaro, casa pound, anfiteatro, parco miralfiore, la foresta che avanza

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/aG67





logoEV
logoEV


.