“Pesaro Storie”: si presenta il volume "A capo coperto. Storie di donne e di veli"

volume "A capo coperto. Storie di donne e di veli" 2' di lettura 26/09/2016 - Giovedì 29 settembre 2016 alle ore 18,45 nella sala degli incontri (g. c.) dell’Alexander Museum Palace Hotel (v.le Trieste, 20 – 61121 Pesaro), per la serie “Pesaro Storie” proposta dalla Società pesarese di studi storici viene presentato il volume "A capo coperto Storie di donne e di veli" (pp. 216, il Mulino 2016) di Maria Giuseppina Muzzarelli (università di Bologna). Sarà presente l’Autrice.

Oggi uno dice “velo”, e subito l’ascoltatore pensa alla copertura del capo, del volto, del corpo femminile in uso nel mondo islamico e che, non senza generare disagio, certe musulmane indossano anche nei paesi occidentali. La prescrizione alle donne di coprirsi il capo apparteneva però alla storia dell’Occidente già prima che Paolo ne prescrivesse l’uso nella prima lettera ai Corinzi. Lo studio di M. Giuseppina Muzzarelli ripercorre un costume millenario, documentato dalla Bibbia, dalle statue dell’antica Grecia, dalle usanze romane, dai padri della Chiesa, dalle normative medievali, ecc., insomma da innumerevoli testimonianze storiche, artistiche e letterarie. Il capo coperto era prerogativa delle donne sposate, era la divisa delle religiose, ogni vedova era tenuta a portare il velo del lutto. Segno di verecondia e modestia il velo, leggero e simbolicamente rilevante era però anche un accessorio alla moda, a volte ricchissimo, ornato e prezioso, regolamentato non senza fatica dalle leggi suntuarie dei Comuni italiani perché era elemento fondamentale nello sfoggio di eleganza e lusso: un po’ come ancora oggi il foulard griffato.

Maria Giuseppina Muzzarelli, ordinario di Storia medievale, Storia delle città e Storia del costume e della moda presso l’università di Bologna, si è occupata fra l’altro di etica economica e di predicazione, di monti di pietà e di banchi ebraici, di leggi suntuarie e del consumo di beni di lusso nonché delle relazioni specifiche che legano le donne al cibo. Tra le sue opere più recenti Breve storia della moda in Italia e Nelle mani delle donne. Nutrire, guarire, avvelenare dal Medioevo a oggi.

Ingresso libero fino a esaurimento dei posti






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-09-2016 alle 08:46 sul giornale del 27 settembre 2016 - 1132 letture

In questo articolo si parla di cultura, Società pesarese di studi storici, volume, maria giuseppina muzzarelli, A capo coperto, Storie di donne e di veli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/aBAo





logoEV
logoEV


.