Maltempo, allagamento Campo di Marte. GruppozerO: "Perchè succede?"

Allagamento Campo di Marte 2' di lettura 16/07/2016 - Maltempo, allagamento Campo di Marte di venerdì 15 luglio: perchè succede? A questa domanda potremmo rispondere appellandoci nuovamente all’evento eccezionale, assegnando la responsabilità di quanto successo alle bizzarrie della natura.

Oppure potremmo assolvere la natura e verificare se invece esistono responsabilità umane sugli effetti prodotti, tralasciando gli eventi atmosferici sui quali l’uomo non può comunque ritenersi estraneo.

Quanto riscontrato in Baia Flaminia rappresenta l’inevitabile risultato di un sistema nel quale l’immagine prevarica la sostanza, mentre l’arroganza, la presunzione e l’interesse, umiliano l’intelligenza.

Infatti, le opere riguardanti la nuova ciclabile, ripetutamente contestate per l‘impatto ambientale e per la loro dubbia legittimità, sono state realizzate azzerando i tempi necessari per una opportuna progettazione, confidando sull’atteggiamento “molliccio” di una categoria di addetti ai lavori che, per proprio tornaconto, rinunciano a svolgere la propria attività abdicando ai capricci della politica.

Gli effetti prodotti dall’analisi espressa risultano inconfutabili:

1 – La sabbia trasportata dal vento e agevolata dalla “rampa” creata con la nuova ciclabile, invade viale Parigi, determinando pericolo per il traffico veicolare e l’occlusione delle caditoie stradali;
2 – La mancata regimazione delle acque di drenaggio del campo da calcio ( fondo sintetico) e dello stesso Campo di Marte, causano l’allagamento di quest’ultimo;
3 – La soletta in cemento armato della pista ciclabile, ostacolando il deflusso delle acque verso l’arenile, svolge una funzione di argine che comporta il perdurare del “lago” rappresentato nella foto;
4 – Il percorso pedonale che affianca la pista ciclabile, a pochi giorni dalla sua inaugurazione, denuncia la rottura di quasi tutte le lastre in cemento che la compongono.

Quanto espresso, oltre a comportare costi ingenti per il rifacimento/modifica delle opere realizzate, determinerà il parziale utilizzo della ciclabile e di Campo di Marte, oneri per la sistematica spazzatura di tutti i percorsi viari, la pulizia delle fognature e delle caditoie, le opere di ripascimento delle sabbie.

Il perseverare di questa tipologia di errori non è più tollerabile in quanto, oltre a essere compiuti ignorando i suggerimenti espressi da buona parte della cittadinanza, rappresentano un “lusso” che non possiamo permetterci.


   

da GruppozerO





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-07-2016 alle 16:46 sul giornale del 17 luglio 2016 - 4083 letture

In questo articolo si parla di attualità, allagamento, pesaro, Campo di Marte, GruppozerO

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/aziA





logoEV
logoEV
logoEV


.