Pesaro, la città dalle bocce d'oro?

Consiglio comunale Pesaro 4' di lettura 14/07/2016 - Via libera al Bocciodromo e alla riqualificazione della zona di Via Dell'Acquedotto. E se qualcuno fosse contrario a quanto sostiene il Sindaco? Se ne dispiace certamente, ma lo fa comunque.

Dopo il suo appassionato discorso, prontamente ben riportato dai quotidiani, il Sindaco se ne è andato, ha lasciato il Consiglio Comunale (e con lui i giornalisti!!) dichiarando candidamente di aver altri impegni, come se quanto accade in Consiglio Comunale non fosse importante al di là delle sue comunicazioni unidirezionali, visto che non ha neppure ascoltato gli interventi che ne sono derivati. E dire che proprio ieri, di lì a qualche minuto, si sarebbe dovuta discutere la nostra mozione PROPRIO SULLA COSTRUZIONE DEL NUOVO BOCCIODROMO che apriva, guarda caso, ad una discussione e quindi ad un confronto politico sul tema!

Ma il Sindaco “aveva già dato” ed ha fatto la sua uscita di scena facendo perdere senso alla discussione della mozione e spingendo la maggioranza a non avviare neppure il tempo di regolamento dedicato alle mozioni; verrà fatto il 25 Luglio in apertura del Consiglio su nostra richiesta. Peccato. Come sempre nuova occasione di dialogo persa, nuova dimostrazione di scarsa considerazione della democrazia! Il caro Sindaco, il Matteo sempre più nazionale, ha cercato di mettere le mani avanti, di anticipare i tempi nel dire la sua e sopratutto di “mimetizzare”, minimizzare quella “piccola” coda di paglia: non si nasconda dietro all'attacco mosso da qualcuno sul fatto che suo padre giochi a bocce (ognuno ha diritto di scegliere come passare il suo tempo) o che sia stato o meno il Presidente del Circolo Concordia che guarda caso deve costruire il nuovo Bocciodromo; ci sembra, in realtà, un vano modo di spostare l’attenzione perché sa benissimo che a noi interessa prima di tutto come vengono spesi i soldi pubblici, i soldi di noi cittadini, e non gli attacchi politici fini a se stessi. Che ci dice il Sindaco delle opere più urgenti e prioritarie per la città come la manutenzione degli edifici scolastici? Sarà un caso che di scuola nuova o di sistemazione dei vecchi plessi se ne parli sempre durante l'anno scolastico, ma del fatto che probabilmente gli stessi soldi ora saranno invece destinati al bocciodromo, solo a scuole chiuse?

Purtroppo, recitando il suo monologo ha dimostrando di non aver nemmeno letto la nostra mozione, noi chiediamo ben altro. Nessuno ha mai parlato di non voler riqualificare la suddetta zona, né soprattutto di sostituire il gioco delle Bocce, solo lo stesso Sindaco, ripetendolo più volte con la solita enfasi “Sarà predisposto per ospitare altre discipline sportive QUALORA CON IL TEMPO IL GIOCO DELLE BOCCE VENGA PRATICATO DI MENO!”(RdC). Chi lo ha mai chiesto?

Fermo restando che, sulla riqualificazione di tutta l’area, vorremmo vedere un progetto od un piano di fattibilità (questa amministrazione se lo “scorda” spesso), perché a parole è sempre tutto bellissimo e utilissimo, ma se proprio questo impianto dovesse realizzarsi (perchè ci sono tante fabbriche vuote che si potrebbero riqualificare e utilizzare), perché allora non può essere polisportivo e ospitare così, OLTRE le bocce, anche altre discipline sportive? Così, su due piedi, potremmo citare la scherma, le arti marziali, la danza, il tiro con l’arco, la ginnastica ritmica, lo skateboarding attorno all’impianto... ma mettendosi a fare un ragionamento ci sarebbe molto altro e il Sindaco certamente lo sa, ha fatto del resto “gli Stati Generali dello Sport”, no? Per una città che vuole diventare la “Città dello Sport” sarebbe l'impianto giusto. Invece, il progetto del Comune prevede 4 campi di Bocce, una sala bar per carte e giochi in scatola e qualche biliardo. Non sembrano troppo 1.560.000.00 di Euro destinati dai proventi del piano casa come dichiarato ieri in consiglio? Cosa che tra l'altro non ci sembra nemmeno attuabile per normativa e lo abbiamo precisato in aula, ma si sa, noi leggiamo troppo. Ne riparleremo il 25 in aula, approfondendo le questioni che non ci tornano sull'opera e sul suo finanziamento. Nel frattempo, non si preoccupi Sig. Sindaco se abbiamo fatto una interrogazione sulle piscine, dorma tranquillo! Non ci interessa se Lei ha qualche parente a cui piace nuotare!


   

da Movimento 5 stelle Pesaro





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-07-2016 alle 09:24 sul giornale del 15 luglio 2016 - 1944 letture

In questo articolo si parla di politica, pesaro, consiglio comunale pesaro, Movimento 5 Stelle

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/azcF





logoEV
logoEV


.