"Sara e Vittoria, matriarche del Risorgimento", conversazione con Maria Luisa Moscati

Sinagoga di Pesaro 2' di lettura 05/07/2016 - Giovedì 7 luglio alle 18, secondo appuntamento con le conversazioni in sinagoga. “Sara e Vittoria, matriarche del Risorgimento”, conversazione con Maria Luisa Moscati.

Giustizia e libertà un binomio che affonda le sue radici nella Torah: già nel primo Comandamento la libertà appare inscindibile dalla figura umana. Sarà questo il motivo ispiratore del Risorgimento: un movimento che vede tutti gli ebrei italiani in prima linea, compatti dopo secoli di mortificante segregazione nei ghetti. Su questo panorama si profilano, discrete e determinanti al tempo stesso, le figure di Sara Levi e Vittoria Della Ripa, due donne ebree del ghetto di Pesaro.

Diversa la loro estrazione sociale: di modesta famiglia la prima, dell’alta borghesia ebraica la seconda, ma animate entrambe dallo stesso ardore che le porta a sposare la causa al fianco dei due massimi esponenti del movimento risorgimentale, Mazzini e Garibaldi. Il primo troverà rifugio nella casa di Sara a Londra con tanti altri fuorusciti e chiuderà gli occhi a Pisa assistito dalla figlia di lei, il secondo allestirà la storica spedizione dei Mille, sostenuto moralmente ed economicamente, nella villa che Vittoria possiede a Quarto, Villa Spinola. La loro lezione continua nei decenni a venire, il figlio di Sara, Ernesto Nathan verrà eletto primo sindaco di Roma liberata, a detta degli storici “ il miglior sindaco che la Capitale abbia mai avuto” e i pronipoti Carlo e Nello Rosselli, fondatori con altri ebrei e non solo ebrei, del movimento Giustizia e libertà, sfociato poi nel Partito d’azione, cadranno vittime del fascismo.

E i discendenti della famiglia Della Ripa, anche se portati da vicende famigliari e storiche a trasferirsi in Toscana, non dimenticheranno mai la natia Pesaro cui faranno omaggio delle ricche collezioni d’arte che oggi figurano tra i beni più preziosi delle collezioni dei Musei Civici di Palazzo Mosca. Due donne, due eroine, quasi novelle matriarche, che ebbero a cuore le sorti del lungo cammino per l’Unità d’Italia.

Le conversazioni in sinagoga sono un’iniziativa promossa da: Assessorato alla Bellezza/Comune di Pesaro, Sistema Museo, Delegazione di Pesaro e Urbino/FAI Fondo per l'Ambiente Italiano.

Ingresso libero fino a esaurimento posti disponibili

info 0721 387541, www.pesarocultura.it






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-07-2016 alle 11:34 sul giornale del 06 luglio 2016 - 1520 letture

In questo articolo si parla di cultura, pesaro, Comune di Pesaro, sinagoga pesaro

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/ayQD







.