Una scatenata Vuelle travolge Sassari, Paolini: “Speriamo che non ci arrivino altre critiche”

Paolini in sala stampa 5' di lettura 14/03/2016 - Una Vuelle scatenata gioca la sua miglior partita della stagione e fa saltare il Banco.

Sono finiti letteralmente travolti dalla squadra biancorossa i campioni d’Italia, che in pratica non sono mai stati in partita, sempre sotto nel punteggio con svantaggi in doppia cifra che hanno toccato anche i 28 punti di scarto, sul 76-48 al 34’.

Chi si attendeva quindi una franca reazione dal Banco di Sardegna, dopo le tre pesanti sconfitte consecutive subìte in campionato, sarà rimasto certamente sorpreso dall’esito di questa gara, frutto dello stato confusionale in cui versa oggi la squadra sarda, ma indubbiamente anche della decisa crescita di livello tecnico ed agonistico in una VL Consultinvest in grado di firmare due importanti vittorie, contro squadre d’alta classifica come Trento e Sassari, nell’arco di appena quattro giorni.

Basta leggere le cifre della gara vinta contro i sardi per rendersi conto di come si stiano evolvendo in senso positivo la maturità e l’organizzazione di gioco della formazione di coach Paolini. Se fino a ieri il principale punto debole dei biancorossi era sempre stato la scarsa consistenza del settore lunghi, contro Sassari la Vuelle ha fatto registrare una perentoria superiorità proprio nel gioco sotto canestro, con 23 canestri realizzati (56% di media) contro i soli 10 degli avversari, e con 44 rimbalzi conquistati, di cui 14 offensivi, a fronte dei 28 dei sardi.

Insomma, mettiamoci pure la serata nera della band di coach Pasquini, ma i meriti di questa risorta Vuelle nel confezionare una così brillante vittoria sono comunque indiscutibili, facendo finalmente sperare in un finale di stagione tinto di rosa. In maglia biancorossa le valutazioni più alte sono state quelle assegnate a Austin Daye, che ha disputato una buonissima gara, con 17 punti e 11 rimbalzi, dopo la scarsa prestazione fornita contro Trento, e a Tau Lydeka, che ha segnato 10 punti senza nemmeno un errore al tiro ed ha arpionato 10 rimbalzi. Ma ottime sono state anche le prove di Christon e Lacey, il primo molto reattivo ed efficace in penetrazione ed il secondo preciso nel tiro pesante (3/4 da tre punti) ed assai lucido nel gestire palla. Buone cose sono venute infine anche da Shepherd, decisamente cresciuto come livello di gioco ed intensità difensiva nella seconda metà di partita.

Nelle file di Sassari l’unico a salvarsi è stato Josh Akognon, con 20 punti a referto, mentre sugli altri è meglio stendere un velo pietoso. Ma tutta Pesarobasket si augura che i sardi tornino subito alla vittoria, visto che il loro prossimo avversario sarà Capo d’Orlando, una delle contendenti nella lotta per la salvezza.

“Una bellissima vittoria la nostra, finalmente conquistata senza soffrire fino all’ultimo minuto” esordisce Ricky Paolini nell’intervista dopo-partita “Abbiamo infatti preso in mano fin da subito le redini dell’incontro, mettendo in campo una grande intensità difensiva senza mai cali di concentrazione ed orchestrando con efficacia e lucidità i nostri giochi offensivi. Insomma, siamo riusciti a mettere in atto nel modo migliore il nostro piano partita, nonostante il peso di ben tre gare giocate in appena sette giorni. Siamo quindi usciti felicemente da questa tremenda settimana: dopo le tante critiche ricevute per come abbiamo giocato le prime due partite, spero proprio che non ne arrivino ancora per quest’ultima nostra prestazione”.

Diremmo proprio di no, caro Ricky. Con Torino rimasta da sola a fondo classifica con 12 punti, e tutte le altre pretendenti alla salvezza affiancate ai biancorossi a 18 punti, si può finalmente prospettare in chiave meno drammatica questo finale di campionato?

“La stagione è ancora lunga e tutto può accadere” replica Paolini “anche perché Torino è in realtà una buona squadra, così come tutte le altre della bassa classifica. Dovremo quindi rimanere assolutamente concentrati e motivati a dare il meglio di noi stessi in queste ultime sette gare, perché l’impresa salvezza non è ancora stata fatta. Attribuire questa vittoria contro Sassari al nostro settore lunghi? Non sono d’accordo. La nostra supremazia sotto canestro è stata merito di tutta la squadra, esterni compresi, i quali si sono battuti fortissimo a rimbalzo ed hanno realizzato ottimi canestri in penetrazione. Continueremo dunque a lavorare forte in allenamento per migliorare la nostra organizzazione di gioco e la compattezza del nostro collettivo”.

Decisamente contrariato il coach dei sardi Pasquini, alla sua prima esperienza sulla panchina di Sassari come allenatore, dopo aver svolto le funzioni di General Manager della squadra: “Stiamo attraversando un momento di crisi nera, perché ci alleniamo bene e con impegno, ma poi siamo inesistenti quando scendiamo in campo. Dovremo allora saper reagire con grande carattere a queste difficoltà e guardare avanti con fiducia nelle nostre possibilità di rialzare la testa. Stasera siamo apparsi sempre sbilanciati e poco lucidi nella costruzione del gioco, contro una Vuelle molto più combattiva ed energica, che ha strameritato la vittoria dominando la gara dal principio alla fine. Molte quindi le nostre colpe, ma tanti anche i meriti dei nostri avversari, che sono diventati una squadra davvero grande con l’innesto di giocatori talentuosi ed esperti come Daye e Lydeka, in grado di far crescere decisamente il livello di rendimento di tutto il roster. Porgo sinceri complimenti a questa Vuelle”.

Ha assistito alla partita contro Sassari anche “il Vate” Valerio Bianchini, storico allenatore della VL Scavolini nell’anno della conquista del suo primo scudetto tricolore. I tifosi biancorossi sono invitati a salutarlo con affetto nella sala congressi dell’hotel Cruiser, stasera alle ore 18:30, dove si terrà una conferenza stampa diretta dal notissimo giornalista di basket degli anni ottanta Enrico Campana.






Questo è un articolo pubblicato il 14-03-2016 alle 09:16 sul giornale del 15 marzo 2016 - 1636 letture

In questo articolo si parla di basket, sport, pesaro, vivere pesaro, sport pesaro, vuelle, Alberto Pisani, articolo, consultinvest pesaro, Riccardo Paolini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/auMS