Le giornate FAI di primavera fanno tappa a Pesaro

Villa Miralfiore Pesaro 3' di lettura 14/03/2016 - Sabato 19 e domenica 20 marzo torna l'appuntamento più importante del FAI (Fondo Ambiente Italiano). Per l'occasione, a Pesaro si aprono al pubblico i giardini di Villa Miralfiore e il parco Miralfiore, i musei Morbidelli e Officine Benelli e i giardini di Villa Guerrini ‘Le Limonaie’ con l’Oratorio di Sant’Emidio. Due giorni dedicati alla 'bellezza' da non lasciarsi sfuggire.

Tornano sabato 19 e domenica 20 marzo, le Giornate FAI (Fondo per l’Ambiente Italiano) di Primavera, giunte quest'anno alla XXIV edizione, un'occasione da non perdere per conoscere molto del patrimonio artistico più nascosto. Sul territorio nazionale, infatti, verranno eccezionalmente aperti 900 beni generalmente chiusi al pubblico disseminati su 380 città in tutta Italia. Una grande festa di piazza dedicata alla cultura. Dal 1993 a oggi, sono stati 8,5 milioni i visitatori che hanno preso parte alle Giornate riscoprendo capolavori nascosti e monumenti dimenticati.

La proposta del Fai ha una tappa importante anche a Pesaro grazie alla collaborazione ‘istituzionale’ tra la delegazione di Pesaro e Urbino del Fondo per l’Ambiente Italiano e il Comune che partecipa all'iniziativa con gli assessorati alla Bellezza, Crescita e Operatività, quest’ultimo con il contributo prezioso del Centro Operativo per interventi di manutenzione all’arco di accesso a Villa Miralfiore su via Solferino. Come accade ormai in modo consolidato, protagoniste delle Giornate sono anche le scuole con le apprezzatissime visite guidate a cura dei giovani e appassionati ‘Apprendisti Ciceroni’. Partecipa anche il conservatorio Rossini, i cui allievi sono protagonisti di alcuni piacevoli momenti musicali tra sabato e domenica.

Il pacchetto 2016 dei luoghi aperti alla fruizione è particolarmente ghiotto ed è composto da: giardini di Villa Miralfiore e parco Miralfiore, musei Morbidelli e Officine Benelli - di recente entrate a far parte del circuito ‘Pesaro Musei’ -, Giardini di Villa Guerrini ‘Le Limonaie di Muraglia’ con l’Oratorio di Sant’Emidio. Importante ricordare che, come regolamentato dal FAI, le Giornate prevedono un luogo il cui ingresso è riservato ai soci FAI, sempre più numerosi e motivati a ‘farsi carico’ del patrimonio culturale. Quest’anno si tratta di Villa Miralfiore: le iniziative previste in questa sede sono aperte esclusivamente agli iscritti FAI; per chi lo desidera l’iscrizione può essere fatta direttamente presso la villa prima della visita.

Il calendario delle due giornate taglia il nastro sabato 19 alle 10.30 ai giardini di Villa Guerrini; qui a un momento musicale degli allievi del conservatorio Rossini si affianca la visita guidata da Anna Maria Benedetti, figura storica del FAI pesarese, e dall’architetto Roberta Martufi. La conclusione invece è per domenica 20 alle ore 20, alle Officine Benelli con un aperitivo e un omaggio musicale a Fabrizio De André. In mezzo due giornate dedicate alla bellezza con tante occasioni per conoscere storia e architettura del territorio anche attraverso il racconto delle giovani generazioni.

Info www.pesarocultura.it; per conoscere tutte le iniziative su scala regionale e nazionale www.giornatefai.it








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-03-2016 alle 10:14 sul giornale del 15 marzo 2016 - 9484 letture

In questo articolo si parla di attualità, fai, pesaro, Comune di Pesaro, museo morbidelli, Villa Miralfiore

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/auNI