Vis Pesaro: l'ultima cena di Simone Pazzaglia, esonerato poche ore dopo la serata con sponsor e stampa

Simone Pazzaglia durante la cena 3' di lettura 22/12/2015 - Pesaro stamattina si sveglia, fa colazione, va al lavoro, apre il sito internet della Vis Pesaro dal suo smartphone come consuetudine e scopre che Simone Pazzaglia, allenatore dei biancorossi, é stato esonerato. Poi si chiede: ma non era ieri la serata in cui si é svolta la cena di Natale con squadra, dirigenza, sponsor e stampa? Ebbene sí.

Sulla tavola natalizia del trainer di Serravalle di Carda é comparsa una pietanza molto amara, tanto prevedibile quanto inaspettata sul menú: prevedibile per via delle 3 vittorie ottenute su 18 gare utili (Coppa Italia di Serie D compresa), inaspettata perché giunta dopo un momento conviviale in cui sí, ammettiamo, qualche parola e qualche smorfia di alcuni hanno fatto intuire che non tutto andasse bene, ma ben poco avrebbe fatto propendere per un esonero a tre giorni dal Natale. Riproponiamo un breve riassunto della serata per come si é svolta, senza che nessuno, almeno tra la stampa, potesse intuire tale mossa da parte della dirigenza vissina.

Anche in casa Vis é arrivato il Natale, nonostante l'ennesima sconfitta nel derby con l'Alma e una posizione in classifica che non sorride ai ragazzi di mister Pazzaglia, il quale assicura che "ogni calciatore dará ogni goccia di sudore affinché la squadra possa trovare la salvezza". La splendida cornice di Chigio Country House, ora spazio di significativa importanza per i biancorossi (i calciatori in prova sono stati ospitati in struttura), ha visto nella serata di ieri la consueta natalizia con squadra (presenti i neo acquisti Bartolini, Margaglio, Mame e il giovane brasiliano Pupinski), dirigenza, sponsor e stampa, quest'ultima omaggiata dal dg Amadori con una penna a tinte biancorosse per ricordare la responsabilitá di societá, amministrazione comunale e non solo di fronte agli impegni presi.

A prendere la parola é stato il dg Guerrino Amadori, che si é espresso con un discorso ad alto tasso motivazionale: "Il nostro campionato comincia il prossimo anno: 17 partite di fuoco, 17 finali di Coppa Campioni" é sicuramente la frase che meglio sintetizza il suo intervento. A ruota lo seguono il capo di gabinetto Franco Arceci ("Ci sono ingredienti e soluzioni per avere un futuro di ottimismo e successo") e l'assessore allo sport Mila Della Dora. Toccanti le parole di capitan Labriola, il quale tiene a sottolineare ai suoi ragazzi che "la vera vittoria/sconfitta arriva dopo il derby" e ai tifosi che "la contestazione ci sta ma é vero che pure noi calciatori della Vis qualche notte non dormiamo e alcuni in campo lasciano anche qualche lacrima". Infine l'intervento a denti quasi stretti del presidente Pandolfi, a sua detta non dell'umore giusto per parlare (la decisione di oggi é la proiezione di questa situazione), che assicura un confronto a breve con i calciatori per chiarire alcuni atteggiamenti inevitabilmente poco graditi alla dirigenza.

Prospettive? Al momento la squadra sará affidata al trainer in seconda, nell'attesa che venga individuata una figura capace di traghettare questa Vis in una seconda parte di stagione in cui sarà necessario incamerare il maggior numero possibile di punti per raggiungere la salvezza il prima possibile. Vi aggiorneremo per eventuali e doverosi sviluppi.






Questo è un articolo pubblicato il 22-12-2015 alle 14:23 sul giornale del 23 dicembre 2015 - 1934 letture

In questo articolo si parla di sport, pesaro, vis pesaro, simone pazzaglia, articolo, Riccardo Spendolini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/arTP





logoEV
logoEV
logoEV