Il Mercatino dell'usato accende il Natale. Il ricavato sarà devoluto in beneficenza

Mercatino dell'usato 1' di lettura 20/12/2015 - Mancano pochi giorni all’apertura del Mercatino dell’usato che ormai è diventato un appuntamento fisso del periodo post natalizio pesarese. Si parte domenica 27 alle ore 9 fino alla sera del 31 dicembre, come sempre nel parcheggio del Parco Miralfiore, adiacente la stazione ferroviaria.

Anche quest’anno nei padiglioni interni alla tendo-struttura è possibile trovare di tutto: antiquariato, mobili, libri, oggettistica, accessori, casalinghi, vestiti, giochi, ma sempre all’insegna della solidarietà. Infatti ciò che rende speciale l’iniziativa e che attrae curiosi e appassionati da tutta la città, ma non solo, è che il ricavato viene interamente devoluto a una missione in America Latina che si occupa di aiutare chi vive in condizioni di estrema povertà. Visitare il mercatino è come entrare in un mondo in cui il tempo si è fermato, che profuma di antico, veste vintage e accende l’interesse di tanti appassionati, ma che fa del bene agli ultimi del mondo e ridona vita a oggetti che altrimenti sarebbero dimenticati, scartati o buttati nella spazzatura.

Nei giorni di apertura un gruppo di giovani volontari dotati di buona lena passeranno di casa in casa per raccogliere tutto il materiale che la gente vorrà donare e che impreziosirà di continue novità gli scaffali e i tavoli del mercatino, ma chi volesse può portare i “tesori” della propria soffitta o gli oggetti impolverati della cantina direttamente con mezzi propri. Inoltre chi avesse un po’ di tempo libero, può dare una mano unendosi al gruppo dei volontari che accoglieranno i visitatori e sistemeranno gli oggetti.

Il conto alla rovescia è cominciato, accorrete numerosi!






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-12-2015 alle 09:31 sul giornale del 21 dicembre 2015 - 2377 letture

In questo articolo si parla di attualità, pesaro, mercatino dell'usato

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/arPK





logoEV
logoEV