L'International Opera Studio ricorda Del Monaco e Tebaldi

Renata Tebaldi 3' di lettura 03/12/2015 - Il 14 dicembre alle ore 21,00 al teatro Sperimentale l’International Opera Studio diretto dal soprano greco Inga Balabanova con la collaborazione del Coro della Madonna delle Grazie diretto da padre Roseto M.Saccà, presenterà un omaggio a due mostri sacri della lirica di tutti i tempi: Mario del Monaco, a 100 anni dalla nascita, tenore di grandissime qualità vocali, irrangiungibile la sua interpretazione nell’Otello di Verdi.

Del Monaco studiò al Conservatorio di Pesaro e la sua tomba, si trova nel cimitero centrale San Decenzio di Pesaro. Renata Tebaldi, la grande soprano pesarese, definita dal direttore d’orchestra Arturo Toscanini, l’Angelo della Musica. La Tebaldi che studiò a Pesaro, ebbe una tecnica vocale perfetta, che superava la sua grande concorrente, certamente più forte come personalità, la grande Maria Callas. Maestra Balabanova, ci parli della sua carriera lirica e del suo arrivo a Pesaro.

“Vorrei innanzittutto ringraziare i miei allievi che provengono da tutto il mondo, per l’impegno notevole che mettono nell’imparare in Accademia e nei master class, i vari repertori che da noi partono dal periodo barocco ed arrivano alla musica del Novecento. La mia esperienza è una storia lunga, fatta di tanti successi e amore per la musica. Ho cantato nei più importanti teatri del mondo accanto a Placido Domingo, Luciano Pavarotti e tanti arti e arte di livello mondiale. Il mio repertorio è stato vastissimo, ma vorrei ricordare l’incisione discografica, in prima mondiale di Ivanhoe’ di Gioachino Rossini, un’opera considerata minore, ma che in realtà rientra di diritto nel vasto repertorio del Cigno di Pesaro, soprattutto dopo la Renaissance rossiniana proposta dalla Fondazione Rossini e dal Rof. Ho fatto parte dell’International Studio del teatro dell’Opera di Zurigo e poi dal 2013 sono direttore artistico dell’Accademia, che in questo momento è l’unica presenza privata nella Città della Musica, che sforna veri e propri talenti vocali. Il concerto omaggio a Del Monaco e Tebaldi, è stato un dovere morale nei confronti della città e per questo sarà ad ingresso libero. ‘’

Giustamente Lei ha detto che da questa Accademia escono fuori promesse per il bel canto. Quali sono in questo momento questi talenti musicali? “Certamente vi è il soprano drammatico ucraino Elena Pribylink, una voce talentuosa, che riuscita a scappare dalla guerra in corso nella sua terra e studiare lirica per poter, spero presto, approdare nei teatri lirici più importanti del mondo. Vi è poi il giovane baritono pesarese Giuseppe Lamicela, che ha una voce molto dotata a vari ruoli e penso che anche per lui si dovrebbero aprire le porte di importanti teatri. Poi vi sono due mezzisoprani giapponesi Rie Horiguchi e Kijoka Iguchi, con due voci ben impostate. Una giovane georgiana di 18 anni, Mariani Gogberashvili, che è una vera e propria promessa. Nel concerto del 14 dicembre, tutti questi cantanti saranno presenti e offriranno al pubblico un concerto con 20 brani che vanno dalla musica barocca, con A.Sartorio, Gluck fino a Verdi, Puccini e Strauss. Al concerto parteciperà anche il tenore Gilberto Molargia.’’

L’International Opera Studio di Pesaro, è una vera e proprio fucina. Quali saranno i progetti per il 2016? “Le iscrizioni alla nostra Accademia sono sempre aperte, per permettere in tempo crisi, di poter inserire sempre gli allievi. A febbraio inizieranno i master class, con la soprano Alla Simoni e nel mese di aprile con il tenore William Matteuzzi. Dopo il >Mitridate di Mozart, presentato nel 2015 a Pesaro, per il 2016 proporremo al teatro Tiberini di San Lorenzo in Campo, il 9 aprile, Orfeo e Euridice di Gluck’’.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-12-2015 alle 02:15 sul giornale del 04 dicembre 2015 - 1535 letture

In questo articolo si parla di spettacoli, Paolo Montanari, renata tebaldi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/argP





logoEV