Musei Civici: mostra "Il Novecento. Le ceramiche italiane degli anni ’50"

Leoncillo Leonardi_Tre mezzi busti femminili_maiolica1947 4' di lettura 02/12/2015 - Per le festività di Natale, il percorso museale di Palazzo Mosca si arricchisce di una pregiata esposizione che mette in luce importanti opere delle collezioni civiche presentate alla Terza Mostra Nazionale della Ceramica di Pesaro nel 1952, manifestazione a cui aderirono le più rinomate fabbriche italiane e i più valenti artisti dell’epoca con l’intento di valorizzare e divulgare l’arte ceramica.

Grazie all’allora direttore dei Musei Civici, Gian Carlo Polidori, le opere furono donate o acquistate dal Comune per costituire una piccola ma significativa raccolta che completasse la collezione rinascimentale Mazza e la sette-ottocentesca donazione Ugolini.

Organizzata da Comune di Pesaro/Assessorato alla Bellezza e Sistema Museo, la mostra Il NOVECENTO - Le ceramiche italiane degli anni ’50, si inaugura con presentazione al pubblico sabato 5 dicembre alle 17.30 nel piano ammezzato dei Musei.

Le ceramiche allestite attestano la convivenza di artisti innestati nell’illustre tradizione della maiolica istoriata, ceramisti che reinterpretano il genere cinquecentesco, e innovatori che proiettati allo studio e alla sperimentazione della decorazione, della materia e degli smalti, testimoniano la vivacità e la ricerca di quegli anni.

Uno spazio a inizio mostra è riservato al grande scultore Leoncillo Leonardi (Spoleto 1915 - Roma 1968), con la maiolica Tre mezzi busti femminili, scultura neocubista del 1947 in origine proposta come fusto di tavolinetto. Una perfetta sintesi tra sperimentazione del colore e ricerca plastica dove la forma subisce tensioni interne che deformano e scompongono i volumi in una serie di piani cromatici e luminosi.

Tra gli artisti più classici che rielaborano la gloriosa tradizione storica figurano Bruno Baratti (Cattolica 1911 - Pesaro 2008), Elso Sora (Pesaro 1905-1991), Antonio Imperatori (Pesaro 1904-1949), Guglielmo Malato (Pesaro 1932), Antonio Lani (Lione, 1932) e Nino Naponelli (Pesaro 1925-2000); mentre sul fronte sperimentale e innovativo si prosegue con Nanni Valentini (S. Angelo in Vado 1932 - Vimercate 1985), con una ciotola dal segno grafico picassiano, un pannello in bassorilievo su cui si muovono figure scomposte di ricordo post- cubista e due vasi graffiti in gres che annunciano la predisposizione plastica dello scultore.

Tra gli artisti che si esprimono attraverso la ricerca formale della ceramica, sono in mostra anche Achille Wildi (Pesaro 1902-1975) con l’inquietante Risveglio della Morte (ante 1947), Athos Tombari (Fano 1930) con una maschera in gres di gusto primitivo arcaico, e Luciano Vichi (Pesaro 1931), autore di un sinuoso vaso decorato con figure femminili. Il piatto di Carlo Barbasetti (Fano 1914-1971) con pesce stilizzato denota uno spirito raffinato e colto, mentre il recanatese Rodolfo Ceccaroni (Recanati 1891-1983), attraverso un sapiente gioco prospettico, propone uno spaccato di vita quotidiana.

L’artista e designer Antonia Campi (Sondrio 1921), protagonista del rinnovamento dell’arte ceramica del XX secolo, è presente con un elegante vaso dal segno grafico, posto in mostra accanto al bucchero disegnato da Giò Ponti, di cui la Campi segue le orme. E poi Salvatore Meli (Comiso 1929 - Roma 2011), abile modellatore che attraverso la tecnica del colombino realizza forme libere dal vincolo del tornio e in espansione secondo la creatività dell’artista.

La scuola di Castelli d’Abruzzo è rappresentata dal pannello materico con maschere stilizzate di Giorgio Saturni (Colledara 1914 - Pescara2006) e da tre opere di Marino Baitello (Chieti 1937), mentre Guerrino Tramonti (Faenza 1915-1992), Carlo Zauli (Faenza 1926-2002) e Riccardo Gatti (Faenza 1886-1972) testimoniano la produzione faentina. Infine il grande vaso con pesci graffiti e stilizzati, di stampo primitivista, è una pregevole opera di Pier Claudio Pantieri (Meldola 1927).

Dopo le “belle ceramiche” degli anni ’50, sempre nella giornata di sabato si prosegue alle 19 presso il Centro Arti Visive Pescheria con l’inaugurazione della mostra di arte contemporanea Molti, personale di Antonio Biasiucci, a cura di Ludovico Pratesi e Chiara Pirozzi, organizzata dal Comune di Pesaro -Assessorato alla Bellezza e Sistema Museo.

MUSEI CIVICI DI PALAZZO MOSCA
Piazza Toschi Mosca 29

Il NOVECENTO - Le ceramiche italiane degli anni ’50 / 5 dicembre – 3 giugno 2016
Orari > martedì - giovedì h 10-13; venerdì - domenica h 10–13 / 15.30–18.30
6 - 8 dicembre / 18 dicembre - 6 gennaio > h 10–13 / 15.30–18.30
Biglietto unico Pesaro Musei - Biglietteria a Palazzo Mosca e a Casa Rossini


INFO T 0721 387541 / Biglietteria Palazzo Mosca negli orari di apertura dei Musei www.pesaromusei.it; pesaro@sistemamuseo.it






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-12-2015 alle 15:20 sul giornale del 03 dicembre 2015 - 1772 letture

In questo articolo si parla di cultura, pesaro, museo pesaro, Sistema museo Pesaro, Leoncillo Leonardi, maiolica, 1947

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/arbf





logoEV
logoEV
logoEV