La fatica di Ercole. Il ritorno dell'eroe ai Musei Oliveriani

La fatica di Ercole. Il ritorno dell'eroe ai Musei Oliveriani 3' di lettura 27/11/2015 - Da qualche mese è rientrata in Oliveriana la statuetta di Ercole scomparsa nel 1964.

La vicenda è nota: trafugato 51 anni addietro ai Musei Oliveriani, il prezioso bronzetto del VI-V sec. a.C. - un Ercole che solleva minaccioso la clava con la mano destra stendendo la sinistra con gesto di protezione - è stato ritrovato dopo mezzo secolo grazie a una tempestiva segnalazione che lo individuava nel catalogo di un’asta in procinto di svolgersi a New York ed è rientrato nel nostro Paese grazie all’intervento dei carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Il bronzetto, rinvenuto a fine Ottocento nei pressi di Isola di Fano, lungo il Tarugo, in una stipe votiva con altri oggetti poi finiti in diversi musei - da Parigi a Firenze - era pervenuto, attraverso un acquisto, alle collezioni oliveriane. Dal suo rientro a Pesaro il bronzetto di Ercole è custodito a Palazzo Almerici, sede della Biblioteca e dei Musei Oliveriani, in attesa che i lavori di restauro e riallestimento del museo archeologico ne consentano nuovamente l’esposizione al pubblico contestualmente ad una mostra che, in accordo con la Soprintendenza, andrà a ricomporre la stipe originaria.

L’Ente Olivieri, nel frattempo, proporrà un ciclo di conferenze sulla figura mitica di Ercole con la presenza di Chiara Del Pino, della Soprintendenza archeologica di Ancona, di Oscar Mei, di Anna Cerboni Baiardi e di Roberto Mario Danese, tutti dell’Università degli studi di Urbino “Carlo Bo”. I relatori affronteranno in tre incontri – il 3, il 10 e il 15 dicembre prossimi - gli aspetti propriamente archeologici dell’antico kouros con clava, e le vicende a cui Ercole, il suo mito e le sue proverbiali fatiche hanno dato vita nell’arte e nella letteratura, ma anche nei fumetti e nella pubblicità.

Grazie alla cortese disponibilità del Comune di Pesaro gli incontri saranno ospitati nella sala grande di Palazzo Mazzolari - in via Rossini – dove sono stati ricollocati di recente alcuni dipinti, appartenenti al patrimonio della marchesa Vittoria Mosca, in cui la figura mitica di Ercole compare come soggetto Il ciclo di conferenze sarà anche l’occasione per sottolineare da un lato la vastità del patrimonio oliveriano, memoria storica di Pesaro e complesso di beni culturali di interesse nazionale e internazionale, e dall’altro per riaffermare la collaborazione esistente da sempre tra Comune di Pesaro e Ente Olivieri.

LA FATICA DI ERCOLE IL RITORNO DELL’EROE AI MUSEI OLIVERIANI
Palazzo Mazzolari, via Rossini 37


3.12.2015, ore 17,30
Chiara Delpino e Oscar Mei, Dalla stipe votiva al museo. Gli aspetti archeologici

10.12.2015, ore 17,30
Anna Cerboni Baiardi, Il dubbio e le fatiche. Le immagini di Ercole nella storia dell’arte

15.12.2015, ore 17,30
Roberto M. Danese, Per Ercole! Quante riscritture!

con il patrocinio di Regione Marche, Provincia di Pesaro e Urbino, Comune di Pesaro, Università degli Studi di Urbino, Fondazione Cassa di Risparmio di Pesaro








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-11-2015 alle 10:06 sul giornale del 28 novembre 2015 - 1078 letture

In questo articolo si parla di cultura, pesaro, Biblioteca Oliveriana, musei oliveriani, La fatica di Ercole

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aqYO