Baldelli, Fratelli d'Italia: "La brutta storia di Banca Marche e del Pd"

Antonio Baldelli consigliere provincia di pesaro e urbino 2' di lettura 26/11/2015 - Il segretario provinciale di Fratelli d’Italia Antonio Baldelli interviene su uno degli argomenti più scottanti del momento.

“Il presidente Ceriscioli ha dichiarato alla stampa che il salvataggio di Banca Marche tutela i risparmiatori, preserva i rapporti di lavoro e non utilizza denaro pubblico. Dal governatore una serie di sciocchezze imbarazzanti per un uomo di governo che dimostra di non conoscere i fatti o, semplicemente, di fare disinformazione”.

L’esponente di Fratelli d’Italia spiega: “Le banche dedurranno i soldi utilizzati per l’operazione di salvataggio dall’Ires, l’Imposta sul reddito delle società. Trattasi di denaro che sarà sottratto alla fiscalità pubblica, quindi a Stato e cittadini! Oltre a ciò, l’operazione ha colpito decine di migliaia di risparmiatori che hanno perso tutti i loro accantonamenti, frutto magari d’una vita di sacrifici. Migliaia i marchigiani affossati dalla manovra ma completamente ignorati da Ceriscioli e compagni. Fra l’altro, l’operazione ha anche dissestato le casse delle fondazioni, bruciando altri fondi della comunità regionale”.

Baldelli compie ulteriori considerazioni: “La banca ripulita da tutti i suoi debiti coi soldi di Stato, risparmiatori e fondazioni, è ora divenuta preda appetibile per tanti speculatori. Grazie ai denari pubblici e dei cittadini qualche banchiere o multinazionale farà soldi a palate. Inoltre, con l’azzeramento delle azioni, Banca Marche non ha più “proprietari”. Fino a ieri i suoi proprietari erano stati gli azionisti, per la maggior parte imprenditori e cittadini marchigiani. La banca perderà dunque la sua marchigianità e senza azionisti, cui rendere conto, i nuovi proprietari avranno carta bianca e saranno liberi di adottare qualsiasi decisione. Senza un piano industriale, infine, i dipendenti potranno essere falcidiati da uno spregiudicato piano di gestione degli esuberi o presunti tali”.

Conclude l’esponente del centrodestra pesarese: “Tutto ciò è avvenuto e avverrà sotto la regia del Governo Renzi e fra gli applausi di Ceriscioli”.


da Antonio Baldelli
Fratelli d'Italia





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-11-2015 alle 18:49 sul giornale del 27 novembre 2015 - 937 letture

In questo articolo si parla di attualità, Antonio Baldelli, avvocato, pesaro urbino, consigliere provinciale, pesaro e urbino, fratelli d'italia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aqWM