La scuola di via Battisti...sottratta ai ragazzi, alla città...Il punto...di Francesco Taronna

scuola di viale Battisti Pesaro 2' di lettura 24/11/2015 - Fervono i preparativi in viale Cesare Battisti per adeguare la struttura che ospitava scuole gestite dalle suore alle esigenze dei novelli ospiti. Scuole chiuse nonostante l'opposizione dei genitori.

Si parla di clandestini, con numeri non certi in quanto, rispetto ai 20 indicati inizialmente, continuano ad arrivare copiose attrezzature. Ondate successive di reti e materassi, tutti rigorosamente incellofanati e nuovi. Fra il vicinato continua a seprpeggiare inquietitudine, poichè non riescono a contattare esponenti del Comune che in qualche modo possano rassicurarli, sui numeri, sui tempi. Chi telefona al sindaco o all'essessore amico, in fondo Pesaro è piccola, viene rigorosamente indirizzato verso l'assessore competente.

Poi fra le telefonate che si intrecciano qualche eco raggiunge anche chi scrive sulla stampa.

C'è chi asserisce che la struttura fosse stata richiesta, in precedenza, dal Comune per cercare una sistemazione per l'Istituto Alberghiero Santa Marta, pericolante, ottenendo un rifiuto. Certo se la notizia avesse fondamento sarebbe gravissimo.

Di fronte ad una emergenza della città la Curia avrebbe negato il suo aiuto alla soluzione.

Ovviamente non vorremmo pensare male, ma l'eventuale diniego per il pubblico si sposa male con l'assenso per il privato. Si perchè la gara per l'accoglienza dei clandestini l'ha vinta una cooperativa sociale o una onlus presieduta da una ex dirigente e consigliera regionale comunista e fin qua nulla di strano. Diventa non opportuno quando si individua la struttura nella ex scuola sottratta per ben due volte alle esigenze dei ragazzi, dei genitori e della città!

Lungi da me, il voler pensare che a guidare le scelte della Curia siano solo motivi economici, ma, dopo le notizie sui superattici e festeggiamenti luculliani del cardinal Bertone, quella sui festini gay, sulla scomparsa di 500.000 euro dalle casse dell'Abbazia di Cassino e sugli alberghi superlusso del priore o come si chiama ed, infine, quella della fine ingloriosa che hanno fatto i quattrini dell'otto x mille destinati al Bambin Gesù per curare i bambini e alleviare le pene dei poveri, vien da pensare che questi abbiano un gran bisogno di risorse ed anche con l'accoglienza si riscuote.

A presto!






Questo è un articolo pubblicato il 24-11-2015 alle 21:10 sul giornale del 25 novembre 2015 - 3373 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione, pesaro, vivere pesaro, notizie pesaro, Francesco Taronna, il punto, articolo, scuola di viale Battisti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aqOY

Leggi gli altri articoli della rubrica Il punto......


Francesco Taronna

24 novembre, 14:25
mi è pervenuta notizia che la struttura non appartiene alla Curia ma all'Ordine Monastico delle Suore....cambia poco...sempre alla cità è stata sottratta...Francesco Taronna




logoEV