Con “Il nuovo disordine mondiale” lanciata la Costituente Comunista anche a Pesaro

Costituente comunista provincia di Pesaro-Urbino 3' di lettura 24/11/2015 - Il Partito Comunista d’Italia di Pesaro-Urbino esprime grande soddisfazione per la piena riuscita dell’evento di sabato 21 novembre, dal titolo “Il nuovo disordine mondiale”, che, come in decine di altre città italiane, ha dato il via alla Costituente Comunista anche nel nostro territorio.

L’evento, seguito da un’affollata e attentissima sala, con la presenza di donne, uomini e giovani provenienti non solo da Pesaro, ma anche da Fano, Urbino e da tutto il resto della Provincia (ed alcuni persino da fuori Regione), è stato organizzato dall’Associazione per la Ricostruzione del Partito Comunista di Pesaro-Urbino, che ringraziamo per il grande impegno profuso, con la collaborazione attiva di militanti di Comunisti d’Italia, Rifondazione Comunista e soprattutto da non iscritti ad alcun partito.

Un incontro di altissimo spessore culturale e politico, con quasi tre ore di intenso dibattito (che ha compreso numerosi interventi del pubblico), e che ha visto le relazioni di Emiliano Alessandroni, del Prof. Domenico Losurdo, entrambi importanti studiosi che operano presso l’Università di Urbino, e di Alessandro Leoni, dirigente nazionale toscano del Partito della Rifondazione Comunista, i quali hanno spiegato in maniera puntuale e documentata le cause delle crisi geopolitiche attuali, il ruolo disastroso del capitalismo, dell’ultraliberismo, del neocolonialismo e dell’imperialismo nell’origine dei principali conflitti che lacerano e che insanguinano il pianeta, con particolare riferimento al terrorismo di matrice islamista, di cui attualmente tutti i media parlano, senza però delucidare le cause profonde e reali del fenomeno.

E’stato approfondito il ruolo geopolitico ed economico dei BRICS, che costituiscono oggi l’unica alternativa credibile alle politiche imperialiste e ultraliberiste degli USA e dell’Occidente, questi ultimi sempre pronti ad espandere il loro dominio su paesi non allineati, generando instabilità politica, guerre e fomentando terrorismo.

Si è messo in risalto come la necessità del Partito Comunista sia un dato sempre più imprescindibile, che molti lavoratori, intellettuali e militanti di sinistra richiedono con grande vigore, visto lo spettacolo non certo edificante che viene dato da TUTTE le forze politiche, presenti nell’attuale Parlamento, completamente incapaci di compiere un’analisi lucida sulla situazione internazionale.

La necessità del Partito Comunista è grande soprattutto a sinistra dello schieramento politico, perché la sinistra “riformista” e “non ideologizzata” ha mostrato in questi vent’anni tutti i suoi gravi limiti, non essendo stata in grado in alcun modo di produrre un cambiamento reale nella politica nazionale ed internazionale, risultando del tutto ininfluente, quando non complice, nelle grandi scelte politiche ed economiche, spesso foriere di disastri sociali, che sono state compiute in questo Paese.

Si è trattato di un grande appuntamento per la città di Pesaro e per questa Provincia; ne seguiranno a breve degli altri, sempre a cura dell’Associazione, e ai quali il PCd’I non mancherà di collaborare, che accompagneranno nei prossimi mesi il processo di ricostituzione in Italia di un unico Partito Comunista.


da Partito Comunista Italiano
Federazione di Pesaro-Urbino







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-11-2015 alle 08:10 sul giornale del 25 novembre 2015 - 1172 letture

In questo articolo si parla di politica, pesaro, Partito Comunista dei Lavoratori, politica pesaro, comunisti, Partito Comunista dei Lavoratori Sez. Pesaro, provincia di pesaro-urbino, Costituente comunista

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aqPp


luciano Pagini

24 novembre, 16:10
Vi seguo con attenzione e spero che si concretizzi qualcosa di serio e stabile seguito da una necessaria organizzione territoriale e da una estrema chiarezza programmatica anche in relazione alle future alleanze rnper le elezioni amministrative. Mai con questi PD (per me).




logoEV