Banca Marche...azioni ed obbligazioni subordinate azzerate

Banca Marche 1' di lettura 23/11/2015 - Il più grande disastro bancario mai capitato da queste parti. I 43.000 piccoli e medi azionisti di Banca Marche sono stati dissanguati. Il Governo con molta disinvoltura, con una operazione vampiresca, ha azzerato il valore delle azioni e delle obbligazioni subordinate, scaricando sui possessori delle stesse il disastro provocato da dirigenti ed amministratori.

Come previsto si è arrivati alla creazione di quattro banche con tutto il positivo presente ed una unica bad bank che si fa carico di tutti i crediti deteriorati. L'operazione ha già il consenso della Commissione europea e della BCE ed è operativa già da lunedì. Gli sportelli apparterranno già alla nuova banca ponte.

Da oggi, circa 1.3 miliardi di azioni Banca Marche non valgono più niente. A questi vanno aggiunte le obbligazioni subordinate, upper tier II e le lower tier II, per un valore di circa mezzo miliardo di euro. Le Fondazioni hanno perso...Carima ...160 milioni di euro; Pesaro...lo stesso; Jesi...70 milioni di euro.

Nel mentre accade tutto ciò, con serafica tranquillità, a Pesaro, senza aver portato a termine una analisi seria dell'accaduto, la Fondazione si accinge al cambio della Presidenza...all'onorevole Sabbatini, il 4 dicembre subentrerà il prof. Cangiotti.

Cioè non cambierà nulla poichè il nuovo sarà l'attuale vicepresidente di estrazione ciellina.






Questo è un articolo pubblicato il 23-11-2015 alle 12:30 sul giornale del 23 novembre 2015 - 12846 letture

In questo articolo si parla di economia, redazione, banca delle marche, banca marche, Francesco Taronna, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aqLi


ANGELO LEPRI

23 novembre, 16:13
grazie governo, ho capito cosa significa svegliarsi una mattinarnandare in banca e non trovare più quello che avevi rncon tanto sacrificio, messo da parte.