Meteo: forti raffiche di "Garbino" soffieranno a partire da venerdì pomeriggio

3BMeteo, maltempo, vento 2' di lettura 19/11/2015 - Giovedì ancora tra nebbie e nubi stratificate. Attenzione ai forti venti sud-occidentali che soffieranno a partire da venerdì pomeriggio fino alle prime ore di domenica, seguiti da calo termico.

In queste ore il campo anticiclonico continua a determinare condizioni di tempo stabile su gran parte della penisola, ma con un costante incremento delle nebbie e nubi basse, specie sui settori pianeggianti e basso collinari sia padani che delle regioni centrali.

A partire da venerdì però il lungo dominio anticiclonico verrà bruscamente interrotto ad opera di una profonda saccatura di aria artica che si avvicinerà già domani sul versante nord alpino. Proprio il deciso ondulamento del campo barico che precederà nella giornata di domenica la formazione di un minimo ciclonico tra le regioni centrali e i Balcani, determinerà un deciso rinforzo dei venti dai quadranti sud-occidentali. Queste correnti per il forte gradiente barico presente risulteranno intense su tutte le regioni centrali con raffiche veramente forti proprio sul versante Adriatico dell'appennino dove la ridiscesa dallo spartiacque verso le vallate favorirà un'ulteriore accelerazione e compressione delle masse d'aria determinando un accentuato effetto fhon.

Sulle Marche le raffiche di "Garbino" più forti si registreranno nel primo mattino di sabato e durante la tarda serata sempre di sabato con punte fin verso i 100-130 Km/h. Questi venti catabatici di ricaduta favonica, determineranno anche una temporanea forte impennata delle temperature con valori che nella giornata di sabato difficilmente scenderanno (anche di notte) al di sotto dei +14/+15 gradi e punte massime nelle aree vallive e basso collinari fin verso i +20/+22 gradi.

Come annunciato nei giorni scorsi però tale intenso flusso prefrontale, sarà seguito da un rapido cambio di circolazione tra la serata di sabato e la giornata di domenica per opera di venti via via più freddi nord-occidentali. Tali correnti saranno accompagnati da rovesci anche diffusi e nevicate lungo la dorsale appenninica.

Questa mattina tuttavia, alcuni centri di calcolo (specie il modello GFS) vede un parziale ridimensionamento del flusso freddo in arrivo posticipando l'apice del peggioramento alla giornata di lunedì e alzando attorno agli 800-1000 metri la quota neve. Come scritto anche ieri sera, queste configurazioni presentano spesso un elevata difficoltà previsionale da parte dei centri di calcolo, determinando un basso grado di predicibilità fino a 24-36 ore prima dell'evento.

Continueremo quindi a seguire l'evolversi della situazione ed in serata vi aggiorneremo con un nuovo articolo dedicato.

Tornando ad oggi sulle Marche poche novità in vista con cielo poco nuvoloso o velato sui settori pianeggianti e collinari pedemontani, mentre lungo la costa e sulle aree medio-basso collinari orientali saranno presenti diffuse foschie e nubi basse.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-11-2015 alle 04:02 sul giornale del 20 novembre 2015 - 1257 letture

In questo articolo si parla di attualità, meteo marche, geometeo, geometeo.it, previsioni meteo marche, meteo, vento, pioggia, maltempo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/aqCV





logoEV
logoEV


.