Ospedale unico, UDC: "Fuori luogo ridurre il tema ad una contesa Fano-Pesaro"

fosso sejore ospedale unico 2' di lettura 10/11/2015 - Il dibattito sulla localizzazione dell'Ospedale unico ci sembra totalmente fuori luogo per come viene affrontato. Sembra si tratti di un affare tutto interno tra Pesaro e Fano, mentre il tema riguarda l’intera collettività di tutta la Provincia di Pesaro Urbino.

Ridurre la scelta della località di una struttura che (qual’ora e quand’anche si faccia) dovrebbe essere di interesse provinciale ad una diatriba campanilistica tra le due città più grandi è per noi totalmente sbagliato anche perché vorremmo evidenziare che la maggioranza della popolazione provinciale risiede comunque fuori da queste due città.

In un momento storico in cui si chiede di guardare a realtà più ampie a tutti i livelli amministrativi riteniamo sia totalmente fuori luogo ridurre il tema ad una contesa Fano-Pesaro, mentre invece occorrerebbe alzare lo sguardo e guardare i problemi in una ottica di prospettiva ed al territorio nella sua interezza, visto che il futuro Ospedale andrà a coprire l’esigenze appunto di tutta la provincia. Contrariamente a Ricci riteniamo che una eventuale nuova struttura unica (scelta che non condividiamo) possa essere posizionata nella zona di Chiaruccia, certamente più baricentrica rispetto l'intero territorio, vicina alla uscita dalla autostrada ed alla superstrada Flaminia.

Ricci è stato Presidente della Provincia di Pesaro-Urbino ed ambisce ad un ruolo superiore anche sul piano della politica nazionale, per questo dovrebbe cercare di vedere le legittime esigenze di tutti gli abitanti provinciali, non solo dei cittadini del comune che oggi dirige, soprattutto in considerazione del fatto che in nome di questo Ospedale unico (che non si sa ancora se vedrà mai veramente la luce) comunque già sono stati inopportunamente smantellati i piccoli ospedali del territorio creando grandi disagi alle popolazioni di gran parte della provincia, popolazioni le quali debbono di già sopportare disagi ben maggiori e gravi rispetto al semplice eventuale attraversamento di Fano da parte dei pesaresi che tanto preoccupa il Sindaco Ricci !!






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-11-2015 alle 07:07 sul giornale del 11 novembre 2015 - 1146 letture

In questo articolo si parla di ospedale, politica, pesaro, Udc Pesaro e Urbino, pesaro e urbino, ospedale unico, fossosejore

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aqgG


Fra' Ginepro

10 novembre, 21:41
Ho iniziato a leggere l'articolo fino alla riga dove si dice: "... qual'ora e quand'anche si faccia... tra parentesi. Ecco, mi basta. Forse poteva anche il titolo dell'articolo. E in chiusura, altra parentesi: Che non si sa ancora se vedrà veramente la luce... Unico commento:
- SI SA, SI SA ! Nel senso che non vedrà veramente mai la luce (ovviamente secondo me). SALUTE, è ancora un buon saluto e augurio!

utente registrato

11 novembre, 15:21
Ricci non perde occasione per cercare in tutti i modi ed in tutti i campi di proporre la superiorità di Pesaro su Fano e sugli altri Comuni dell'ex Provincia di PU. Non fa altro che attirarsi l'odio e far perdere consensi al suo partito nei comuni che vuole sostanzialmente sottomettere. Esempi non ne mancano: si inizia dal tanto vituperato nuovo ospedale, semmai si farà ( ovviamente a Pesaro), per non parlare della tentata distruzione della ferrovia Fano Urbino che collega due insuperabili città per bellezza e beni culturali che vuole tenere isolate ed in subordine a Pesaro. Per non parlare della politica di approvvigionamento idrico della sua città che vorrebbe ottenere depauperando le falde e le risorse idriche dell'entroterra invece che rifarsi un nuovo acquedotto per ridurre le sue attuali perdite. In questo frattempo i suoi sodali cercano di mistificare la politica di conservazione delle risorse idriche dell'acquifero carbonatico dell'alta valle Metauro con il tentativo di togliere il vincolo di risorsa stragegica al pozzo del Burano che quindi non può, oggi, essere usata per fornire acqua dolce, per esempio ad un nuovo acquedotto da ubicare sotto una pista ciclabile al posto della Ferrovia Fano Urbino.E' un discorso arzigogolato ma gli addetti ai lavori e i vari sindaci dell'entroterra capiranno al volo! Ma quando si sveglieranno gli avversaro politici del Sindaco di Pesaro inchiodandolo alle sue folli politiche d'uso del territorio e delle risorse altrui? Meditate gente, meditate!!




logoEV