Continua la situazione di degrado di parco XXV aprile, la denuncia dell'associazione Molo4

Degrado di parco XXV aprile 1' di lettura 05/11/2015 - A volte ritornano. Appena qualche mese fa il nostro sindaco Ricci, con un ritardo di solo un anno da quando la considerò priorità ed emergenza, fece sgomberare gli accampamenti rom abusivi di parco XXV aprile.

Un anno durante il quale i cittadini raggruppati spontaneamente in un gruppo su un social network e Casapound al loro fianco hanno più volte protestato per il degrado, la delinquenza, lo scempio che si fece di un bene pubblico. Eccoli di nuovo.

A farne presagire la presenza , i chiari segni di accampamenti abusivi: materassi, masserizie, scatoloni. Parco XXV aprile ripiomba nel degrado e ritornano le proteste esasperate dei residenti della zona a cui il sindaco Ricci ha trovato modo di ribattere, con il consueto atteggiamento supponente: la responsabilità sarebbe della puzza proveniente dal vicino Centro Rifiuti di Marche Multiservizi.

Si rassegnino i cittadini; la colpa non é dell'amministrazione che non é in grado di porre rimedio, ma dell'odore che rende il parco isolato e quindi liberamente usufruibile da rom e bivaccatori. La superficialità dell'analisi del nostro sindaco ci lascia perplessi, sia per la non volontà di risolvere il problema che per l'implicita rassegnazione di fronte allo stesso.

L'Associazione Molo4 si schiera a fianco dei residenti, beffati dell'ennesimo scaricabarile e con loro e Casapound provvederà a dar voce a quanti sono costretti a subire non solo il danno, ma da ieri anche la beffa.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-11-2015 alle 10:03 sul giornale del 06 novembre 2015 - 716 letture

In questo articolo si parla di attualità, pesaro, degrado, parco xxv aprile

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ap7n