Ecosistema Urbano XXII edizione, Legambiente: Pesaro al 23° posto nella classifica dei capoluoghi italiani

4' di lettura 26/10/2015 - È stata pubblicata lunedì mattina la ventiduesima edizione del rapporto Ecosistema Urbano promosso da Legambiente, Ambiente Italia e Sole24Ore. Un quadro molto variegato per le città marchigiane presenti che vedono Macerata posizionarsi al quinto posto tra i 104 capoluoghi italiani nella classifica della qualità ambientale. Segue Pesaro, al ventitreesimo posto, Ancona al ventottesimo e Ascoli Piceno al quarantesettimo.

“Il cambiamento dei nostri centri urbani è la grande sfida che ci aspetta nei prossimi anni – commenta Francesca Pulcini, presidente di Legambiente Marche -. Amministrazioni, cittadini e associazioni possono lavorare insieme per costruire città migliori e più desiderabili; un cambiamento che parte da una nuova mobilità pubblica, più piste ciclabili, maggiore raccolta differenziata spinta ed edifici efficienti senza più consumo di suolo. Molto dipenderà dalla collaborazione tra istituzioni e cittadini, insieme ideatori e protagonisti di questo processo. Pensare e realizzare città più moderne non è un sogno e mai quanto oggi questo percorso è alla nostra portata. A tutti gli enti locali, quindi, chiediamo di avere più coraggio e di puntare su politiche ambientali avanzate – conclude Pulcini – poiché soprattutto in questo momento di forte cambiamento, le politiche ambientali possono essere la bussola per orientare processi sani di innovazione e ammodernamento, elementi strategici per costruire insieme un nuovo modello di sviluppo per questo territorio”.

Macerata ottiene un ottimo risultato a livello nazionale grazie al buon lavoro riscontrato sull’inquinamento atmosferico, prima e ottava a livello nazionale per quantità di ozono e PM10; la città dello Sferisterio si classifica seconda in Italia per differenza di acqua immessa in rete e quella consumata. Buono anche il risultato in campo di energie rinnovabili installate su edifici comunali, 18,55kW/1.000 abitanti.

Pesaro si distingue per il buon lavoro svolto sulla mobilità urbana che la vede decima in Italia per piste ciclabili; infatti risultano 18,37metri equivalenti ogni 100 abitanti. La città si posiziona al quarto posto per energie rinnovabili installate con 27,70kW/1.000 abitanti. In negativo, Pesaro è 101° nella classifica nazionale per numero di motocicli circolanti con 24mezzi ogni 100 abitanti. Il capoluogo si posiziona al 100° posto per quantità di rifiuti solidi urbani prodotti con 789,3kg per abitante all’anno.

Sul risultato di Ancona pesano l’alto numero i motocicli circolanti, 15 ogni 100abitanti, che la posizionano 84°; la scarsa presenza di piste ciclabili, circa 0,99metri equivalenti ogni 100 abitanti, e le poche aree pedonali fruibili, circa 0,18mq ogni 100 abitanti.

Ascoli Piceno risulta prima in Italia per bontà nei consumi idrici, ogni abitante ne consuma 99,6litri al giorno; buona anche la percentuale di dispersione di acqua in rete, solo il 13,3% di acqua non consumata rispetto a quella immessa in rete. A pesare sull’andamento complessivo della città sono il numero di auto circolanti, 67 ogni 100 abitanti, e il numero degli incidenti stradali che bloccano il capoluogo all’83° posto in Italia. Ascoli Piceno, inoltre, è l’ultima città marchigiana per percentuale di raccolta differenziata, con il 42% di rifiuti riciclati.

A pesare su tutte le città marchigiane in classifica è il dato della depurazione che vede Ancona al 63° posto seguita da Pesaro al 80°, Macerata all’89° e Ascoli al 93°.

Anche quest’anno, sono 18 gli indicatori selezionati per confrontare tra loro i 104 capoluoghi di provincia italiani. Tre indici sulla qualità dell’aria (concentrazioni di polveri sottili, biossido di azoto e ozono), tre sulla gestione delle acque (consumi idrici domestici, dispersione della rete e depurazione), due sui rifiuti (produzione e raccolta differenziata), due sul trasporto pubblico (il primo sull’offerta, il secondo sull’uso che ne fa la popolazione), cinque sulla mobilità (tasso di motorizzazione auto e moto, modale share, indice di ciclabilità e isole pedonali), uno sull’incidentalità stradale, due sull’energia (consumi e diffusione rinnovabili). In questa edizione sono due su diciotto gli indicatori selezionati per la classifica finale (incidenti stradali e consumi energetici domestici) che utilizzano dati pubblicati da Istat.

Scarica il dossier completo “ Ecosistema Urbano XXII edizione






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-10-2015 alle 17:09 sul giornale del 27 ottobre 2015 - 878 letture

In questo articolo si parla di attualità, macerata, legambiente, ancona, pesaro, ascoli piceno, legambiente marche, ecosistema urbano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/apG8







.