Jesi: Festa del Libro per Ragazzi, oggi l'incontro inaugurale con Ilaria Tontardini

La mostra "Ad occhi aperti" di Hamelin 3' di lettura 10/04/2015 - Ilaria Tontardini, dell’associazione culturale bolognese Hamelin, è la protagonista di un incontro per spiegare l’importanza della figura e il suo potenziale narrativo, “Perché leggere le figure. Albi illustrati e lettura”, primo appuntamento della “Festa del Libro per Ragazzi”.

Sullo stesso tema la mostra “Ad occhi aperti. Leggere l’albo illustrato”, a cura di Hamelin, aperta al pubblico fino al 24 aprile. “Perché leggere le figure. Albi illustrati e lettura” Incontro con Ilaria Tontardini.

Sabato 11 aprile Teatro Studio Valeria Moriconi ore 16.30 Di cosa parliamo quando parliamo di albo illustrato? Spesso si pensa a un oggetto “minore” da relegare al campo altrettanto “minore” della lettura per piccoli.

L’incontro intende smontare questo stereotipo, analizzando la complessità e le possibilità espressive e narrative che l’albo illustrato offre. Per riappacificarsi con le figure e la loro ricchezza. «L’albo - spiega Ilaria Tontardini - è una narrazione che parla ai ragazzi, soprattutto perché usa un linguaggio, quello delle immagini, a loro più congeniale. Viviamo in un contesto sociologico in cui le figure sono importanti, basta pensare alla pubblicità, che pochi sanno leggere e che invece si prestano a una molteplicità di letture. Ma per fare questo occorre del tempo». Ilaria Tontardini è tra le curatrici della mostra allestita al Complesso San Floriano, “Ad occhi aperti. Leggere l’albo illustrato”.

Ad occhi aperti - Leggere l’albo illustrato Complesso San Floriano da sabato 11 a venerdì 24 aprile (ore 9-12 / 15.30-19.30) La mostra, a cura dell’associazione culturale Hamelin di Bologna, è promossa da Sistemi Bibliotecari della Provincia di Bergamo, Biblioteca di Crema, Biblioteca Panizzi Reggio Emilia, Salone internazionale del libro di Torino, Biblioteche Civiche Torinesi, Premio Nati per leggere. L’allestimento si compone di nove pannelli didattici bifacciali e autoportanti. Bambini e adulti potranno conoscere tutti gli aspetti più significativi dell’albo illustrato, dal formato ai diversi stili delle immagini, dal rapporto tra parole e figure all’importanza del ritmo, dai libri senza parole a quelli che invitano il lettore a giocare. Ogni pannello, arricchito da immagini e da didascalie che invitano il visitatore a una partecipazione attiva, è accompagnato da una selezione di libri da guardare, sfogliare e leggere. In occasione di “Bologna Children’s Book Fair” la mostra didattica è stata accompagnata da una selezione delle tavole originali di cinque tra i più influenti illustratori contemporanei: Rotraut Susanne Berner (Germania), Kitty Crowther (Belgio), Antonio Marinoni (Italia), Suzy Lee (Corea) e Fabian Negrin (Italia). La mostra è stata già presentata alla Biblioteca di Crema (13 maggio – 10 giugno 2012), al “Salone Internazionale del Libro” di Torino (10-14 maggio 2012), al “Festival 1,2,3… storie” di Cles (TN) (5-18 luglio 2012).

Ilaria Tontardini
È nata a Pesaro nel 1975. Si è laureata a Venezia in Conservazione dei Beni Culturali con uno studio sulle sezioni didattiche dei musei francesi. Questa esperienza le ha permesso di lavorare in Francia al Service éducatif del Centre Georges Pompidou. Dal 2001 ha collaborato con i Musei Civici veneziani, in particolare alla creazione di percorsi didattici e formazione al museo di arte moderna di Ca’ Pesaro. Dal 2005 è membro dell’associazione culturale Hamelin, per cui lavora tuttora. Insegna Storia dell’illustrazione nel biennio di illustrazione per l'editoria dell’Accademia di Belle Arti di Bologna.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-04-2015 alle 16:36 sul giornale del 11 aprile 2015 - 630 letture

In questo articolo si parla di cultura, jesi, mostra del libro, Festa del Libro per Ragazzi, ad occhi aperti, ilaria tontardini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ahTr





logoEV
logoEV