Ho aperto 'La Figa' ed è arrivato il successo. Da Pesaro a Copacabana, la storia di Stefano Pandolfi

Stefano Pandolfi ne "La Figa" a Copacabana 3' di lettura 13/03/2015 - Da Pesaro a Copacabana, per trovare un lavoro e un futuro. Stefano Pandolfi, 38enne pesarese, figlio di Sandro Pandolfi (il fotografo di fianco al Duomo), da due anni vive in Brasile dove ha aperto la pizzeria & piadineria "La Figa". Ci racconta la sua esperienza nella città della Samba.

"Sono partito per il Brasile nel 2011, direzione Salvador de Bahia per aprire una pizzeria con mio fratello maggiore - commenta Stefano - Ho imparato il mestiere di pizzaiolo, poi le incomprensioni ci hanno diviso ed ho deciso di aprire una mia pizzeria, "Capricciosa", sempre nella stessa città.

Dopo un anno e mezzo di lavoro ho deciso di venderla e di ritornare in Italia (Salvador non è una bella citta). Rientrato in Italia, ad aprile 2013, ho ritrovato il mio paese a pezzi, con tutti i negozi chiusi e tanti Compro Oro. Ho passato un'estate allucinante, non trovavo lavoro a Riccione nemmeno a pagarlo e sono rimasto molto scioccato da questo perché a 38 anni se non lavori devi rinunciare a tante cose.

A ottobre 2013 ho deciso di ripartire con la mia valigia direzione Rio de Janeiro, chiamata la città meravigliosa. .e lo è veramente. Dopo un'estenuante ricerca per trovare il locale dove aprire, ad un prezzo ragionevole, ho trovato un negozio a 10 mt dalla spiaggia più famosa al mondo: Copacabana. Ho aperto nel giro di una settimana. ..Pizzeria e Piadineria Italiana "La Figa "...il nome l'ho copiato da un ristorante che era al Pelourinho a Salvador.

Già da subito si è vista le potenzialità di questa pizzeria, a 10 metri dalla spiaggia e nelle due vie più belle di tutta Copacabana a livello di ristoranti e bar. Soddisfazione dopo soddisfazione il lavoro è andato sempre aumentando. I clienti e il passaparola sono stati la miglior pubblicità (IL NOME HA FATTO E STA FACENDO LA SUA PARTE).

Gente di continuo che si fa le foto sotto l'insegna e che ride.... Il miglior inizio: dopo tre mesi ho recuperato tutti i soldi investiti e la pizzeria ancora non smette di crescere...da qui alla decisione di aprire la seconda pizzeria non a Copacabana ma a Ipanema, quartiere più benestante e più caro di Copacabana. A luglio apriremo là. Ho ricevuto mille proposte di gente che voleva investire soldi con me, "io metto i soldi e tu gestisci tutto" mi dicevano.... Come mi disse una volta una persona "il numero perfetto di soci in una attività è uno".

Per quanto riguarda Rio non ci sono tante parole. La chiamano la città Meravigliosa: dopo un anno e mezzo che abito qui ancora mi stupisco di quanto sia bella questa città! Spiagge bianche, monti a non finire, tantissime isole, lago ... c'è tutto ..ma soprattutto c'è una cosa meravigliosa: IL TURISMO TUTTO L'ANNO...gente che parte, gente che arriva con la valigia tutto l'anno indipendentemente che sia estate o inverno...qui in inverno non scende sotto i 23 gradi....

Progetti futuri? Si ..aprirne altre. .creare un franchising col nome "La Figa" e crearmi la mia pensione....bella pensione...

Per finire dico a tutte le persone soprattutto giovani ...se avete voglia e volontà tutto si realizza...non rinunciare alla prima difficoltà. ..quelle sempre le incontrerai nella vita...Volere è Potere..parole sante..vi mando un abbraccio dalla città della Samba e delle spiaggie più belle al mondo...ciao".








Questo è un articolo pubblicato il 13-03-2015 alle 17:21 sul giornale del 14 marzo 2015 - 55602 letture

In questo articolo si parla di attualità, pesaro, rossano mazzoli, articolo, Copacabana, stefano pandolfi, la figa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/agHx





logoEV
logoEV


.