SopravViverePesaro: ... soli alla mercè dei ladri....due ore in preda al terrore

Ladro 1' di lettura 18/02/2015 - Ma di cosa stiamo parlando....sicurezza dei cittadini, salvaguardia della proprietà privata...non esiste più alcuna certezza se dei cittadini in pericolo chiaro, concreto e immanente, chiedono l'intervento delle forze dell'ordine e dopo due ore nessuno si fa vedere.

Hanno telefonato al 113, gli hanno risposto che la volante era in arrivo, potevano crepare tutti ma nessuno si è visto almeno fino all'epilogo angoscioso della vicenda. Qui siamo come in Libia, intere vie vengono assalite e le abitazioni depredate, senza che le forze addette alla sicurezza intervengano, non dico immediatamente ma in un lasso di tempo ragionevole.

Eppure c'era tutto il tempo per coglierli sul fatto, ripeto due ore lì a smanovrare sugli infissi delle abitazioni mentre gli inquilini dentro l'abitazione erano in preda al terrore. La signora temeva per se stessa ma innanzitutto per la figliola, il suo bene più prezioso.

Almeno sei abitazioni assalite, tutte più o meno vicine ed i delinquenti lasciati liberi ed indisturbati. Questa volta non c'è attenuante per le istituzioni...ci hanno abbandonato. E per cortesia non parlate più di collaborazione da parte dei cittadini, sono le istituzioni carenti.

Sempre più spesso in noi il pensiero negativo prende il sopravvento...anche le forze dell'ordine sono sempre più demotivate ed in loro potrebbe annidarsi il dubbio della inutilità della loro azione. Infatti, se li arrestano e dopo un giorno o due sono di nuovo fuori, vale la pena mettere a rischio la propria incolumità?

Gli inquilini delle abitazioni che saranno visitate da quei delinquenti liberi ed uccel di bosco ringraziano anticipatamente.


   

da Francesco Taronna
 





Questo è un articolo pubblicato il 18-02-2015 alle 16:13 sul giornale del 19 febbraio 2015 - 4715 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione, pesaro, furto, ladro, Francesco Taronna, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/afzQ

Leggi gli altri articoli della rubrica SopravViverePesaro





logoEV
logoEV


.