Meteo: continua la fase mite e umida

Geometeo 3' di lettura 27/11/2014 - Ancora fase meteorologica spiccatamente autunnale sulla nostra regione con diffusa nuvolosità accompagnata da foschie e nebbie ma con scarsi fenomeni associati. Un nuovo generale peggioramento è atteso tra le giornate di domenica e lunedì.

Continua una spiccata fase autunnale. Si potrebbe sintetizzare così la tendenza meteo delle prossime ore che vedrà un'accentuazione dell'afflusso mite da meridione sui settori occidentali italiani messo in moto da una saccatura in discesa sulla penisola iberica. Questa situazione innescherà la formazione di un profondo vortice ciclonico proprio tra Spagna e Portogallo che nel corso dei prossimi giorni, seguendo una traiettoria abbastanza "complessa", riuscirà a sfondare verso levante in direzione del Mediterraneo occidentale prima e centrale poi innescando un generale peggioramento sulla nostra penisola ma sempre a carattere mite.

Tornando alla giornata odierna nella prima parte della giornata sono attesi fenomeni su diverse zone della penisola, in particolare sulle regioni di nord-ovest e lungo il versante tirrenico grazie all'afflusso meridionale e all'orografia che permetteranno la formazione di una maggiore nuvolosità. La nostra Regione vivrà invece una giornata nel complesso tranquilla con nuvole che risulteranno più compatte nel settore settentrionale mentre maggiori schiarite interesseranno quello meridionale. La scarsa ventilazione continuerà a incentivare il ristagno di aria umida nei bassi strati dell'atmosfera favorendo così la formazione di foschie e strati nebbiosi, specie nei settori basso-collinari e costieri, in un contesto termico decisamente umido e mite per il periodo.

FOCUS PEGGIORAMENTO NEI PROSSIMI GIORNI

Dopo un paio di giornate (venerdì-sabato) decisamente "anonime" dal punto di vista meteo che vedranno una diffusa nuvolosità accompagnata da foschie e nebbie (ma senza particolari fenomeni) sulla nostra regione, tra domenica e lunedì le cose tenderanno decisamente a cambiare. L'arrivo infatti del vortice ciclonico formatosi nella penisola iberica determinerà un generale peggioramento su gran parte della penisola, compresa la nostra regione, dove sono attesi fenomeni anche diffusi a partire dal pomeriggio-sera di domenica. In questa fase non sono attesi particolari variazioni dal punto di vista termico con valori che continueranno a mantenersi oltre la media.

Al contrario invece nella prima parte della prossima settimana sembra probabile un generale cambio di circolazione: stando alle ultime indicazioni dei centri di calcolo l'azione congiunta di un campo anticiclonico sull'Europa centrale e della depressione "italica" contribuirà a richiamare correnti via via più fredde in direzione della nostra penisola, in particolare dalle giornate di martedì-mercoledì. Tuttavia non è attesa alcuna ondata di gelo come molti vogliono farci credere. Tale irruzione fredda garantirà, con buona probabilità, solamente il ritorno a valori termici nella media o leggermente al di sotto permettendo l'arrivo della neve in appennino.

Per quest'ultima poi sussistono ancora numerose incertezze legate alla traiettoria delle correnti fredde e, di conseguenza, alla formazione e posizione del vortice depressionario che risulterà fondamentale nel definire l'areale della fenomenologia.

Al riguardo verrà pubblicato un nuovo articolo di approfondimento nel corso del pomeriggio.

A cura di: Alessio Casagrande






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-11-2014 alle 09:43 sul giornale del 28 novembre 2014 - 1164 letture

In questo articolo si parla di attualità, meteo marche, geometeo, geometeo.it, previsioni meteo marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/ab9l





logoEV
logoEV


.