Calcio: la Maceratese di mister Peppe Magi passa anche nella “sua Pesaro” e resta saldamente in vetta. Per la Vis sempre più “notte fonda”.

Vis Pesaro - Maceratese 5' di lettura 02/11/2014 - Perde lo scontro della nostalgia e dei ricordi la nuova Vis di mister Bonvini. A Pesaro scendeva la capolista, la Maceratese di Peppe Magi che anche se in una fase di appannamento fisico (a detta dei nostri colleghi maceratesi), liquida sbloccando fortunosamente il match, una ordinata Vis Pesaro.

I limiti della squadra, sono ancora più risaltati davanti la prima della classe. Un valido rifinitore e punte che la mettono dentro, queste sono le lacune maggiori. Con una squadra così allestita, possono capitare al massimo due/tre occasioni nitide a partita e vanno assolutamente concretizzate perchè poi, alla prima degli avversari, si finisce sotto ed è dura risalire la corrente. Nulla di nuovo sotto il cielo biancorosso quindi se non cose negative come la simulazione di De Iulis che, diffidato, dovrà saltare la prossima con Zanigni che dovrà scontare ancora la squalifica; l'assenza sempre più palese di spettatori (in un derby come questo, con una giornata tiepida di sole, si riempiva il prato in tempo non molto recenti); il Ds D'Anzi che in un momento come questo con D'Antoni espulsogli fa dei gesti eloquenti e viene allontanato lui stesso; l'assenza di Leonardi che continua.

Spettatori, addetti ai lavori e tecnici presenti in tribuna tutti d'accordo nel dire che se non ci saranno svolte clamorose, ci dovremo rassegnare al peggio. Beh, ritornare allo stadio dopo diverse assenze per motivi personali e sentire e vedere tutto ciò rattrista parecchio. Io voglio credere ancora nei ragazzi, anche se i loro volti e commenti a microfoni spenti, non lasciano ben sperare. Consoliamo con la bella e felice immagine di Magi che lascia lo stadio da trionfatore e prosegue nell'esperienza fuori Pesaro per diventare un allenatore importante.

FORMAZIONI

Vis Pesaro (4-­4-­2): Teodorani, Fabbri, Dominici G., Rossoni, Vagnini, Brighi, Rossi, Granarola, Evacuo, De Iulis, Bugaro . A disposizione. Osso, Pangrazi, Bartolucci, Rosati, Torelli, Vita, Bottazzo , Cobaj, Rossini. All. Bonvini

Maceratese (4-­3-­3): Fatone, Cordoba, D'Alessio, Croce, Garaffoni , Marini , De Grazia , Perfetti , Bartolini , D'Antoni , Kouko . A disposizione. Moscatelli , Cervigni , Lari , Capparucia , Romano, Tortelli, Lattanzi, Belkaid , Ferri Marini. All. Magi.

Arbitro: Mansi di Nocera Inferiore
Assistenti: Miccoli e Innaurato di Lanciano
Espulsi: D'Antoni e il DS della Vis Pesaro Pietro D'Anzi
Ammoniti: Bugaro, De Iulis e Granaiola (VP): Kouko e D'Alessio (M)
Spettatori circa 700 con 428 paganti per 4.430 euro d'incasso (150 tifosi ospiti)
Recuperi: 2' + 6' (4+2)
Note: Prima della partita, consegnata dal Presidente una targa all'ex mister Peppe Magi per "in ricordo dei suoi splendidi quattro anni trascorsi a Pesaro".

Cronaca: 2' Bartolini gira da pochi passi ma Teodorani blocca. 17' prima vera occasione della partita con un gran tiro di D'Antoni a cui si oppone altrettanto bene Teodorani. 21' stupenda punizione di Bugaro dalla sinistra con Evacuo che elude la trappola del fuorigioco e devia indisturbato di testa di poco a lato. Altro bel cross di Bugaro dalla sinistra con Evacuo con non arriva per poco alla deviazione. 30' bella azione in percussione della Vis con Bugaro che tira da fuori, palla ribattuta che perviene a Fabbri che la mette dentro all'indietro per un rimorchio che non c'è. Sulla palla arriva De Iulis che cade in un contrasto in area. L'arbitro lascia correre. 37' Evacuo non riesce a sfuggire alla guardia di Marini. L'arbitro concede 2' di recupero e all'ultimo secondo, su tiro di D'Antoni ci mette la schiena Fabbri e la palla termina in fondo al sacco a fil di palo nonostante l'estremo tentativo del numero 1 vissino che tenta il disperato tentativo.

50' lancio di De Iulis per Evacuo sulla destra che si accentrata e colpisce malissimo di sinistro. 60' altra punizione di Bugaro sul secondo palo ma Dominici arriva tardi. 62' azione insistita della Vis che non si concreta. 64' cross di Kouko sulla quale si avventa D'Antoni e Fabbri rischia il secondo autogol. 66' la Maceratese opera la prima sostituzione della partita facendo entrare Ferri Marini al posto di Bartolini. 67' Dominici cerca il dribbling in una bella ripartenza sulla sinistra ma Cordoba recupera bene. 68' tiro di Bugaro ma la palla si impenna di poco sopra la traversa. 77' parte palla al piede De Grazia che dal centro lancia Ferri Marini che brucia Vagnini e in diagonale batte Teodorani in uscita. 78' primo cambio Vis con l'ingresso di Bartolucci per Evacuo. Poi entrano anche Rossini per Rossi e Torelli per Vagnini. 90' D'Antoni vola sulla sinistra e Fabbri lo stende appena entrato in area, rigore. Va sul dischetto lo stesso attaccante ma Teodorani si esalta deviando in angolo sulla sua destra. Appena dopo, al momento del cambio espulso sempre lo stesso D'Antoni autentico protagonista nel bene e nel male delle ultime fasi della partita. Nella stessa occasione allontanato anche il DS D'Anzi. Dopo altri due minuti l'arbitro fischia la fine. Sono 41 anni che la Vis dopo 9 giornate si trova a non aver ancora vinto una partita.

RISULTATI 9° TURNO DI SERIE D GIRONE F

Amiternina – Fano 1-­2
Campobasso – Castelfidardo 3-­1
Civitanovese – Celano Marsica 1-­0
Fermana – Giulianova 1-­3
Jesina – Olympia Agnonese 2-­0
Matelica – Chieti 3-­2
San Nicolò – Sambenedettese 0-­0
Termoli – Recanatese 2­-1
Vis Pesaro – Maceratese 0-­2

LA CLASSIFICA DOPO 8 GIORNATE

Maceratese 23, Matelica 19, Samb e Civitanovese 18 ; Campobasso 17, Fano 16, Chieti 14, Jesina e San Nicolò 13; Giulianova 12; Recanatese 11; Amiternina, Castelfidardo, Fermana e Termoli 8; Agnonese 5; Celano e Vis Pesaro 4.








Questo è un articolo pubblicato il 02-11-2014 alle 17:03 sul giornale del 03 novembre 2014 - 1806 letture

In questo articolo si parla di sport, calcio, pesaro, maceratese, vivere pesaro, vis pesaro, serie d, calcio serie d, luca pandolfi, giuseppe magi, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/aaUq





logoEV
logoEV


.