Francesco Grianti: 'E' una infrazione utilizzare la Pescheria per la propria propaganda politica'

Fondazione Pescheria Pesaro 1' di lettura 15/02/2014 - Senza entrare nel merito partitico dell’una o dell’altra delle due liste M5S vedo comunque un indizio poco rassicurante di chi reclama adesso il diritto per tutte le liste di utilizzare la Pescheria per la propria propaganda politica.

Giustamente la lista dei cittadini fa notare che certi luoghi destinati, alla cultura, al culto, a servizi sociali, insomma alla fruizione da parte di tutti i cittadini interessati alle finalità cui è stato destinato quel luogo non può ospitare eventi che non hanno a che fare con la finalità cui è stato destinato. Ma se questa infrazione è stata commessa per un candidato come Ricci che rappresenta la faccia nuova della vecchia tirannia che ha il potere su Pesaro e quindi su questi luoghi, è un errore fondamentale quello di aver tramutato una infrazione in un diritto di infrazione per tutti ed inoltre di vantarsene per averlo fatto.

Se il parlamentare del M5S volesse essere in linea con i loro principi etici che condannano tutte le infrazioni commesse dai politici della vecchia guardia dovrebbe rifiutare di esibirsi in quel luogo, in fondo Grillo stesso si è esibito in piazza a Pesaro e se non ricordo male dentro un canotto, ma si sa, prima si critica poi si copia la via più comoda anche se scorretta, tanto lo fan tutti, ma è proprio quello di cui la gente è stanca.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-02-2014 alle 18:06 sul giornale del 16 febbraio 2014 - 1588 letture

In questo articolo si parla di politica, pesaro, Fondazione, cultura pesaro, pescheria pesaro, fondazione pescheria pesaro, Cittadini 5 Stelle Pesaro, Francesco Grianti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/Yzv