Pane, basket e....peperoncino: Vuelle ancora senza Petty contro una Sidigas assetata di vendetta

La nuova Vuelle - foto di Luca Toni 3' di lettura 17/01/2014 - La Vuelle ha cambiato faccia. Almeno un po’. Basterà per cambiare il trend negativo di questa infausta stagione?

E’ stato infatti ufficializzato ieri l’arrivo in biancorosso di Perry Petty, che però sarà a Pesaro solo dalla prossima settimana. Playmaker ventiseienne di Chicago, altezza 1,85, buon tiro dalla distanza ed apprezzabile lucidità in cabina di regìa, il nuovo acquisto della Vuelle approda in Italia dopo esperienze maturate nei bassifondi del basket europeo (Slovacchia, Romania, Bielorussia), ma ben deciso a sfruttare al meglio questa opportunità nel campionato italiano per far decollare la sua carriera agonistica. Nel suo inizio di stagione a Minsk, dove ha giocato anche in Eurochallenge, Petty dicono che non abbia deluso le aspettative, e ciò rende abbastanza incomprensibile il perché la società bielorussa lo abbia mollato (non certo per un pingue “buy out” ricevuto). Stiamo a vedere cosa combinerà in maglia pesarese, fermo restando che un rinforzo nel ruolo di playmaker era assolutamente indispensabile per questa Vuelle.

Per coprire la spesa legata al suo ingaggio, la società biancorossa ha rescisso, di comune accordo col giocatore, il contratto con Ale Amici, il quale passerà a giocare in Silver dna con la Mobyt Ferrara, attualmente prima in classifica. E questo è l’ennesimo cestista pesarese di buon livello che lascia la sua città per cercar fortuna altrove. Il contratto di Amici era però particolarmente oneroso, visto che era stato stipulato nella scorsa stagione, e quindi in tempi di vacche meno magre, per cui la decisione assunta dalla dirigenza Vuelle sembra sicuramente giustificata, tenuto conto anche del fatto che il ruolo di tre/quattro è forse quello meglio coperto nel roster biancorosso.

Ma a quanto sopra va aggiunto che la band di Dell’Agnello dovrà fare a meno anche di Alvin Young, perché con Petty gli americani sotto contratto sono diventati 6, per cui almeno per ora il “nonno” dovrà restarsene in tribuna, in attesa di una possibile offerta da altra società, dopo che è sfumata quella di Firenze.

Insomma, una Vuelle sempre più corta nelle rotazioni, ma finalmente meglio attrezzata in cabina di regìa. La scelta della società, visti gli attuali chiari di luna, può dirsi comunque condivisibile. Se son rose, fioriranno…

Intanto domenica arrivano a Pesaro i bianco-verdi della Sidigas Avellino, ben decisi a riprendersi i due punti regalati ai nostri alla prima di campionato (quando tutta Pesaro aveva cominciato a sognare…). La formazione di coach Vitucci naviga a metà classifica, grazie ad un roster di discreto livello tecnico, ma soprattutto ben fornito atleticamente ed assai lungo in panchina. E’ l’ex-biancorosso Cavaliero a dirigere il gioco di squadra, assieme a Spinelli e all’altro playmaker Lakovic, ed il settore esterni è completato dalla guardia americana Dean, sempre pronto a colpire dalla distanza col suo ottimo tiro.

Sotto le plance, Avellino conta su un pacchetto lunghi davvero potente, con il pivot Thomas, che è secondo assoluto per valutazione in campionato dopo il nostro Anosike, l’ala/centro Ivanov, terzo rimbalzista del torneo, e le ali Richardson, Hayes e Dragovic, tutta gente tostissima, che non molla mai nella lotta a rimbalzo. Insomma, altra sfida davvero impervia per una squadra così corta e leggera sotto canestro come la nostra Vuelle.

C’è solo da sperare in una nuova serata di grazia di Alvin Young, dopo le sue ultime due prestazioni d’alto livello (sarebbe un passo d’addìo davvero gradito), e soprattutto nella rinascita dei due “desaparecìdos” Turner e Musso, mai visti così nulli come a Venezia. Per fortuna, Anosike continua a confermarsi come miglior pivot del campionato: se Trasolini riuscirà a fargli da valida spalla contro i lunghi della Sidigas, potrebbe anche scapparci il miracolo. In attesa che arrivi Perry Petty come la manna che cade dal cielo…


   

di Alberto Pisani





Questo è un articolo pubblicato il 17-01-2014 alle 09:26 sul giornale del 18 gennaio 2014 - 2916 letture

In questo articolo si parla di basket, sport, pesaro, vivere pesaro, Scavolini Basket, sport pesaro, vuelle, sidigas avellino, lega basket, news basket, Alberto Pisani, pane basket e peperoncino, rubrica basket, perry petty, petty, sidigas

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/XbH

Leggi gli altri articoli della rubrica Pane, basket e....peperoncino





logoEV
logoEV
logoEV


.