Nuovi doni alla Biblioteca Oliveriana

Prezioso orologio antico da taschino, finemente decorato, già appartenuto all’avo Nicola Vaccaj, 1' di lettura 17/12/2013 - Sabato 16 novembre Cristiana Ferri, a nome anche delle sorelle Beatrice e Elena, ha consegnato in dono alla Biblioteca Oliveriana di Pesaro un prezioso orologio antico da taschino, finemente decorato, già appartenuto all’avo Nicola Vaccaj, padre di Giuseppe (di cui l’Oliveriana è stata donataria di importanti lasciti di natura documentaria e artistica).

Nicola Vaccaj (Tolentino 1790, Pesaro 1848) musicista autore di diversi melodrammi, compositore e insegnante di canto è stato autore, tra l'altro, di un Metodo pratico di canto italiano da camera, diviso in quindici lezioni, edito a Londra nel 1883, che rimase per anni, ma ancora oggi uno strumento didattico indispensabile per i cantanti d'opera. A lui è stato intitolato il settecentesco teatro lirico di Tolentino. Il bellissimo orologio donato databile intorno all’ultimo decennio del Settecento, impreziosito da decorazioni e inserimenti di piccole pietre, è stato costruito da Pierre Rigaud, attivo a Ginevra tra il 1750 e il 1800.

Cristiana Ferri ha poi consegnato per conto del marito Ferruccio Ferrucci nelle mani del direttore dell’Oliveriana anche due interessanti album di fotografie, circa 200 in tutto, che rappresentano il rapporto visivo di Ernesto Ferrucci, padre di Ferruccio, nel corso della spedizione bellica in Africa Orientale nel 1935-1936.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-12-2013 alle 18:02 sul giornale del 18 dicembre 2013 - 1964 letture

In questo articolo si parla di cultura, pesaro, Biblioteca Oliveriana, prezioso, orologio antico da taschino, nicola vaccaj, album di fotografie, ernesto ferrucci

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Wbg





logoEV