Una vita per la musica, la scomparsa del Maestro Alberto Mencucci

Alberto Mencucci 1' di lettura 12/12/2013 - "Ieri è morto un grande uomo, pesarese d’adozione, tanto schivo e umile che se potesse fermerebbe queste mie mani che tremano scrivendo di lui" - queste le parole di Marcello Nori in riferimento alla scomparsa di Alberto Mencucci.

“Caro amico, hai suonato così bene per il grande Papa Wojtyla, per il grande Presidente Pertini, che ti hanno voluto con Loro lassù dove potrai continuare a deliziarli con la tua grande passione. Hai suonato in oltre 40 nazioni, in tutti i continenti, i più grandi della terra ti hanno ascoltato ed apprezzato, ma i tuoi occhi brillavano ancor più di vera gioia quando ti esibivi, per puro piacere della musica, nelle case per anziani, per disadattati, scuole e posti dove i pseudo... artisti non si degnano di entrare".

"Pochi hanno fatto per il turismo pesarese quello che hai fatto tu, hai portato Pesaro ed il Conservatorio Rossini in tutto il mondo. Non pochi piangeranno la tua scomparsa, il tuo grande valore umano sarà sempre presente nella tua musica, per me, e sono certo per tanti altri, è stato un grande onore e privilegio avere avuto la tua amicizia. Ciao Alberto “






Questo è un articolo pubblicato il 12-12-2013 alle 07:24 sul giornale del 13 dicembre 2013 - 2608 letture

In questo articolo si parla di attualità, pesaro, notizie pesaro, lutto pesaro, Alberto Mencucci

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/VR5