Montecchio: famiglia albanese dedita allo spaccio, arrestato il figlio 25enne

Cocaina 3' di lettura 03/10/2013 - Nella giornata di martedì 1 ottobre, la Squadra Mobile, coordinata dal Dirigente dr. Stefano Seretti, ha arrestato un 25enne di origine albanese, residente a Montecchio, già noto alle Forze dell’Ordine, implicato in un traffico di stupefacenti.

Gli Agenti già da tempo avevano iniziato a monitorare un fenomeno di spaccio di cocaina a Montecchio, incentrato su di un cittadino albanese latitante in quanto destinatario di un provvedimento di esecuzione di pena per 2 anni e sei mesi di detenzione per il suo coinvolgimento in reati in materia di stupefacenti emesso dal Tribunale di Urbino e di una misura cautelare della custodia in carcere, emessa dal G.I.P. di Pesaro. In tale contesto venivano attuati servizi di osservazione nei confronti della madre 63enne e della sorella 17enne dello straniero, sospettate di essere implicate nel medesimo “giro”.

Nel corso delle indagini, la madre 63enne e la sorella 17enne dello straniero sono state notate nelle vicinanze della Chiesa di Montecchio mentre prendevano contatti con soggetti noti quali assuntori di stupefacenti. L'intervento dei poliziotti ha permesso di bloccare le donne, trovate in possesso di 5 grammi di cocaina già confezionata e pronta per essere ceduta. La successiva perquisizione della loro abitazione ha consentito di rintracciare, all’interno, il 25enne ricercato, il quale, sebbene costretto a rimanere nascosto in casa per evitare l’arresto, aveva mantenuto tutti i suoi contatti per quanto riguardava l’attività di spaccio, impiegando le due congiunte come corrieri.

Emergeva inoltre che il padre 59enne dello straniero era stato anch’egli arruolato in qualità di “palo”, con il compito di sorvegliare l’abitazione e segnalare in anticipo l’eventuale arrivo delle Forze dell’Ordine, dando così modo al figlio di sottrarsi alle ricerche. All'interno dell'abitazione è stato anche rinvenuto materiale per il confezionamento delle dosi e sostanza da taglio.

L'albanese, nonostante i provvedimenti di cattura pendenti, non si era mai voluto allontanare da questa Provincia proprio per continuare a gestire il lucroso ed illegale commercio. Numerosi sono stati gli assuntori identificati, quasi tutti provenienti dal capoluogo pesarese, di età compresa fra i 20 ed i 30 anni, quasi tutti con un lavoro fisso e disposti a pagare dai 50 ai 60 euro al grammo per della cocaina, fra l’altro di qualità giudicata mediocre in quanto “molto tagliata”.

Il 25enne è stato tratto in arresto in esecuzione dei su citati provvedimenti dell’Autorità Giudiziaria e condotto presso il carcere di Villa Fastiggi, lo stesso, inoltre è stato denunciato per detenzione a fini di spaccio di sostanza stupefacente. La madre e la sorella sono state denunciate in stato di libertà sempre per la detenzione a fini di spaccio della cocaina rinvenuta, mentre il padre è stato denunciato in stato di libertà per il reato di procurata inosservanza della pena, per aver aiutato il figlio a mantenere il suo stato di latitanza






Questo è un articolo pubblicato il 03-10-2013 alle 15:24 sul giornale del 04 ottobre 2013 - 2422 letture

In questo articolo si parla di cronaca, pesaro, montecchio, cocaina, spaccio, rossano mazzoli, notizie pesaro, cronaca pesaro

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/SBt





logoEV