Daniele e Moreno Conti, una sola grande passione ... il calcio

Daniele e Moreno Conti 5' di lettura 02/10/2013 - Il più “esperto” ha cessato la sua collaborazione con la Vis Pesaro nel 2012 da Campione Regionale battendo in finale il Tolentino e il più giovane lo scorso anno avendo sfiorato la finale regionale in una rocambolesca partita contro la Sambenedettese.

Nativi entrambi di Fossombrone, classe 62 il più grande e classe 68 il più giovane, hanno lasciato un bel ricordo in tutti i ragazzi che hanno allenato. Parliamo di Daniele e Moreno Conti, due fratelli che hanno il calcio nel sangue. Parlando del “più esperto”, ha un curriculum da fare invidia a tanti allenatori anche di squadre professionistiche avendo vinto tre titoli regionali, uno con i Giovanissimi della Vis Pesaro ( stagione 2004-2005), uno con la Juniores del Fossombrone (2007-2008 in piena era Bikkembergs) e uno con gli Allievi della Vis Pesaro (stagione 2011-2012). Poi titolo provinciale Giovanissimi nella stagione 2007-2008 sempre con il Fossombrone. Ma la chicca, sebbene è un titolo di vicecampione, è la finale ottenuta, dopo aver vinto il titolo regionale sempre nell’anno 2005, giocata a S.Benedetto e persa niente popo di meno che contro il Napoli. Era l’anno di Milan Djuric (oggi al Trapani in serie B, dove aver giocato a S.Marino, diversi anni a Cesena, Ascoli, Crotone e Cremonese) di Gianmarco Duranti (ora a S.Giovanni in Marignano), di Nicola Barbieri (diversi anni con la Vis e ora al Vismara), di Francesco Casolla (ora al Teramo in seconda divisione), di Nicolas Cenciarini . Poi, i recenti allievi Alberto Torelli, Bartolucci, Tartaglia, Bottazzo, Francolini per citare solo quelli nel giro della prima squadra.

Da calciatore il nostro caro Daniele, frutto del vivaio inesauribile del Fossombrone, dopo aver debuttato in C2 nella Vis Pesaro nell’anno 78/79, ha giocato 6 anni nel Cesena con 6 presenze anche in serie A e diverse in serie B; poi trasferimento a Taranto con il primo anno in C1 e poi in B grazie alla promozione ottenuta sul campo; ultime stagioni poi con la Lucchese (C1), Spezia (C1), e due anni a Castel di Sangro in C2. Il “meno esperto” , anche lui dopo aver dato i primi calci a Fossombrone, già all’età di 10 anni passava alle giovanili della Vis per debuttare a 16 anni (stagione 84-85) nel Campionato Interregionale con il “mitico” Enrico “Ricky” Albertosi in panchina (poi esonerato) . Passato poi al Rimini, era successivamente rientrato alla Vis con la gestione Nicoletti (86-87) dove però il baffetto gli preferiva gente più esperta e subì alcuni infortuni che gli rovinarono la stagione.

In seguito, Cattolica (Promozione), Urbino e S.Angelo in Vado (interregionale). Poi tre anni “in patria” a Fossombrone fra Prima categoria e Promozione dove nel frattempo aveva iniziato anche la carriera di allenatore delle squadre Giovanissimi ed Allievi. Dal ’93 al ’97 è passato a Lucrezia nei campionati di Eccellenza e Interregionale prima di trasferirsi a Ferrara per motivi di lavoro. In terra emiliana ha giocato nell’Argentana (Interregionale), Centese (Eccellenza) e Reno Centese in Promozione, squadra nella quale ha finito la carriera da giocatore. Rientrato a Pesaro, sempre per motivi di lavoro, ha allenato per tre anni i Giovanissimi della Vis e uno gli Allievi biancorossi arrivando per ben due volte, una con i giovanissimi e una con gli allievi, alla soglia della Finale Regionale.

Quest’anno i due “ragazzi” sono ripartiti da altre piazze. Daniele è stato chiamato dal Rimini (seconda Divisione) per prendere in mano la squadra Giovanissimi che partecipa al Campionato Nazionale. Decapitata dalla sciagurata stagione economica dello scorso anno con parecchi ragazzi che si sono accasati a S.Marino e Cesena, deve ricostruire tutto da zero con ragazzi che provengono un po’ dappertutto. Moreno, è stato invece chiamato a fare da allenatore al Villa S-Martino, squadra che esprime molti talenti da mandare in squadre professionistiche (ultimo in ordine di tempo Rebe Berkane andato al Lumezzane in Lega Pro Prima Divisione) ma che dal punto di vista dei risultati nel settore giovanile, non riesce mai a contrastare la supremazia della Vis Pesaro. La sua esperienza sia da calciatore che da allenatore, sarà senz’altro utile ai ragazzi e già nelle prime partite, si è visto un nuovo modo di giocare nella formazione rossoverde.

Per quanto riguarda l’attuale stagione Moreno ha vinto 2 partite su 3, perdendo lo scontro diretto con l’altra candidata a passare alla fase regionale che è l’Azzurra. Domenica scorsa, ha potuto finalmente reintegrare Luca Tecchi, anima e capitano della squadra, in rosa. Luca era fuori dal mese di marzo a causa di un grave infortunio con frattura scomposta del malleolo esterno più sub-lussazione del malleolo interno. Daniele ha uno score di una vinta e due perse ma parliamo di giovanissimi nazionali girone E con partite con squadre come Parma, Bologna, Sassuolo, Cesena … e un settore giovanile completamente da ricostruire. Ad entrambi, l’augurio di proseguire al meglio l’insegnamento dello sport che amano più di ogni altra cosa e soprattutto far diventare uomini e bravi calciatori, i giovani che sono sotto le loro cure. In bocca al lupo ad entrambi da parte mia personale e di tutta la Redazione di Vivere Pesaro.








Questo è un articolo pubblicato il 02-10-2013 alle 20:26 sul giornale del 03 ottobre 2013 - 4002 letture

In questo articolo si parla di sport, calcio, pesaro, sport pesaro, luca pandolfi, moreno conti, daniele conti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Sy7