Giro di prostituzione gestito da una maîtresse cinese, clienti pensionati in rovina

Prostituzione cinese 1' di lettura 06/09/2013 - Dopo l'arresto di una prostituta cinese e la chiusura di una casa di tolleranza, la Guardia di Finanza di Pesaro ricostruisce il giro d'affari e recupera a tassazione oltre 300mila euro di ricavi illeciti. Clienti pensionati rovinati dal vizio.

Al termine di prolungate indagini, la Compagnia della Guardia di Finanza di Pesaro è riuscita a porre fine a un lucroso e squallido giro di prostituzione, gestito da una maîtresse cinese con la collaborazione di altre sue connazionali.

I militari delle Fiamme Gialle, attraverso appostamenti, escussione di svariati clienti/ testimoni e attivazione di indagini tecniche, sono riusciti a trarre in arresto la tenutaria asiatica della casa di tolleranza, che riusciva a far giungere a Pesaro, da Milano, molte sue giovani concittadine, per avviarle alla prostituzione in loco.

La responsabile è stata condannata a 1 anno e 6 mesi di reclusione per aver gestito una casa di appuntamento a sfondo sessuale e sfruttamento della prostituzione.

I Finanzieri, successivamente, attraverso un meticoloso lavoro, sono riusciti a ricostruire l’illecito giro d’affari, recuperando a tassazione oltre 300.000 euro di ricavi, segnalati all’Amministrazione Finanziaria, come “redditi diversi”. Circostanza amara, emersa nel corso degli accertamenti, è la rovina finanziaria di alcuni pensionati che dilapidavano gran parte dei loro guadagni nel vizio.






Questo è un articolo pubblicato il 06-09-2013 alle 11:45 sul giornale del 07 settembre 2013 - 5790 letture

In questo articolo si parla di cronaca, prostituzione, pesaro, pensionati, sesso, roberta baldini, notizie pesaro, cronaca pesaro, clienti, news pesaro, prostituzione cinese, prostitute cinesi, sex, Giro di prostituzione, maîtresse cinese

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/Roi