Finanziati 28 progetti innovativi di laureati, aiuteranno le imprese ad essere più competitive

Beneficiari assegni di ricerca con Ricci e Seri 2' di lettura 18/02/2013 - Dalle energie rinnovabili al web marketing, dalla nuova edilizia al design, dalle biotecnologie industriali alla domotica: sono innovativi ed in linea con le nuove tendenze del mercato del lavoro i 28 progetti, presentati da laureati, che la Provincia di Pesaro e Urbino ha finanziato con assegni di ricerca di 750 euro lorde al mese per 12 mesi, grazie alle risorse del Fondo Sociale Europeo.

I 28 giovani, che inizieranno a breve la loro esperienza all’interno di altrettante imprese del territorio provinciale, sono stati ricevuti nella sala del consiglio “W.Pierangeli” dal presidente della Provincia Matteo Ricci, dall’assessore provinciale alla Formazione e Lavoro Massimo Seri e dal dirigente del Servizio Formazione e Lavoro Massimo Grandicelli.

“Questa esperienza non vi cambieranno la vita – ha detto Matteo Ricci – ma sarà utile per il vostro futuro e speriamo possa trasformarsi in lavoro stabile. La vostra presenza nelle aziende sarà importante per provare ad innovare e resistere all’interno di questa crisi. Ci stiamo muovendo in varie direzioni per aiutare l’economia del territorio e posso dire che ogni posto di lavoro salvato, ogni azienda che rimane aperta è una grande soddisfazione. Stiamo anche ri-orientando i fondi europei verso una formazione più mirata alle nuove professioni. Abbiamo bisogno della vostra intelligenza e del vostro impegno ed è per questo che, pur con grande difficoltà, continuiamo a finanziare questi progetti, che rappresentano un’opportunità per voi e per le aziende ospitanti”.

“Si sta nel mercato – ha sottolineato l’assessore Massimo Seri – se si ha la capacità di essere innovativi e competitivi. Abbiamo messo in campo azioni concrete a favore dei giovani e delle imprese proprio per agevolare questo percorso. Tra le iniziative, voglio ricordare l’accordo con Costa Crociere, che sta già portando opportunità di lavoro grazie ai corsi ad occupazione garantita che stiamo organizzando. Anche questi assegni di ricerca sono importanti per il territorio: dovevano essere 20, siamo riusciti a finanziarne 28, pur tra le difficoltà, proprio perché crediamo sia un segnale positivo”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-02-2013 alle 10:18 sul giornale del 19 febbraio 2013 - 1072 letture

In questo articolo si parla di attualità, pesaro, provincia di pesaro e urbino, provincia pesaro urbino, notizie pesaro

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/JDx





logoEV
logoEV


.