Molaroni o Mengaroni? La vignetta di Giacomo Cardoni

Molaroni o Mengaroni? La vignetta di Giacomo Cardoni 1' di lettura 26/06/2012 - Da una parte abbiamo la stupenda “Medusa”, alta più di due metri, capolavoro del grande maestro ceramista pesarese Ferruccio Mengaroni, concessa per questo incontro proprio dai Musei Civici.

Nel 1925, durante le operazioni di montaggio della Medusa, questa stava per cadere e mentre gli altri fuggivano, Mengaroni si gettò sotto di essa per proteggere la sua creatura, sacrificando così la sua vita: “una vita per l'arte”.

Dall’altra lato Giuseppe Molaroni, finanziatore della villa che ospita il museo del mare; Oppure Romolo Molaroni, che nacque a Pesaro nell’estate del 1858: Trasformato in ceramica dallo sguardo dell’avversario non si può capire… ad ogni modo quest’ultimo fu ordinato sacerdote nel 1881 e tre anni dopo fu nominato parroco di Novilara, nella provincia di Pesaro, dove rimase sino al 1899. Fu appassionato ricercatore storico, specialmente nel campo religioso e si dedicò alla lettura di antichi inventari e memoriali. Nel 1899 divenne canonico della cattedrale di Pesaro, svolgendo incarichi che lo fecero diventare prevosto e rettore del Seminario di Pesaro. Nel 1916 fu nominato vescovo.”

- A voi la scelta! a voi puntare sul vincente! -








Questa è una vignetta pubblicata il 26-06-2012 alle 23:21 sul giornale del 28 giugno 2012 - 2896 letture

In questo articolo si parla di attualità, pesaro, novilara, musei civici, vignetta, mengaroni, giacomo cardoni, vignettista, storie pesaresi, ferruccio mengaroni, molaroni, giuseppe molaroni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ASA





logoEV
logoEV