I Giovani Democratici ricordano Giovanni Falcone

Falcone e Borsellino, vittime stragi di mafia 23/05/2012 - Ieri abbiamo ricordato Giovanni Falcone e il suo grande lavoro svolto contro la mafia. Un lavoro svolto con coraggio e dedizione, due qualità oggi sempre più rare.

Falcone morì per l’idea che aveva di Stato, morì per tutti Noi, e questo non deve essere un semplice e triste anniversario, ma dev’essere per Noi e per i posteri un ricordo quotidiano, una spinta per far capire ai poteri occulti come massoneria e mafia, che il Popolo Italiano sarà tale solo quando non avrà paura della cultura, del coraggio, della Libertà.

Pochi giorni fa è stata uccisa una ragazza... Basta guardarle gli occhi nelle foto che circolano per capire la voglia di vivere e di sapere che aveva.

Ancora non si sanno bene alcune vicende in merito all’attacco bombarolo alla scuola Falcone-Morvillo di Brindisi, per questo fin’ora non ci siamo esposti più di tanto, ma non può che essere un attentato mafioso; i dubbi a Noi Giovani Democratici di Pesaro-Urbino sono sorti quando abbiamo letto, che la scuola Falcone-Morvillo, nella settimana del ricordo della grave strage di Capaci, aveva avviato una serie di incontri formativi sullo Stato e sulla Mafia... Proprio nel pomeriggio tra l’altro sarebbe dovuta passare la Carovana Antimafia. Ma Noi GD ci impegneremo a promulgare quelli che sono i valori di Libertà di Pensiero, di azione, quei valori che la Mafia soffoca… ci ha provato adescando giovani ignoranti, ma intuì la grande crescita del un nuovo senso civico dei giovani uomini e delle giovani donne.

Questo cancro chiamato mafia se n’è approfittato e ha colpito quella scuola, “casualmente” composta da una maggioranza di giovani di sesso femminile.

Giovanni Falcone, va ricordato, non si “limitò” al suo ruolo, ma collaborò con il Governo di allora tramite il Ministro della Giustizia Claudio Martelli (Partito Socialista Italiano), per creare la SuperProcura Antimafia, un’opera che sarà poi resa vana con la soffocante manovra dell’ex guardasigilli Alfano. Noi GD di Pesaro-Urbino speriamo e lottiamo con tenacia affinché la politica, lo Stato Italiano e tutto il Popolo Italiano siano un giorno liberi dalla Mafia, liberi dai poteri occulti e liberi da ogni tipo di pressione. Una delle risposte ai gruppi anti-partito e antisistema sta in questo.

Ciao Giovanni.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-05-2012 alle 19:50 sul giornale del 24 maggio 2012 - 1230 letture

In questo articolo si parla di attualità, giovani democratici, pu

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/zsP