Last Minute Market, la filiera corta del recupero e riduzione rifiuti

Last Minute Market, la filiera corta del recupero e riduzione rifiuti 3' di lettura 04/04/2012 - Progetto promosso dalla Provincia in collaborazione con Marche Multiservizi e Aset. Ricci: "Basta sprechi. Azione a forte valenza sociale per il sostegno alle fasce più deboli".

"Basta sprechi". Soddisfatto per "i buoni risultati della raccolta differenziata, che individuano una crescita culturale nella mentalità del territorio", Matteo Ricci fa "un passo ulteriore verso il nuovo modello di sviluppo", rilanciando nella provincia il progetto di Last Minute Market - spin off dell’università di Bologna – con i partner Marche Multiservizi e Aset.

Il presidente spiega il meccanismo alla base dell’idea, già operativa, semplice nella sostanza: "Si tratta di un’azione di prevenzione e riduzione dei rifiuti – osserva Ricci in conferenza stampa - che avrà anche finalità sociali, di sostegno alle fasce più deboli. Perché tramite una rete provinciale composta da istituzioni, imprese e terzo settore, favoriamo il recupero dei prodotti invenduti nella grande distribuzione nella massima sicurezza, a favore di enti no profit".

Nel dettaglio, una serie di punti vendita del territorio che hanno aderito, o aderiranno, al progetto (tra cui Mercatone Uno di Pesaro, Conad Primavera di Fano, Conad Tre Effe di Fermignano) saranno messe in contatto con le onlus beneficiarie in quella che assume i contorni di una filiera corta del recupero. Con conseguenti benefici, non solo ambientali: "E’ un’iniziativa che guarda a chi ha bisogno – continua il presidente della Provincia - e specialmente in tempo di crisi economica, assume davvero una forte valenza sociale. Rappresenta anche una nuova sfida culturale: vengono rimessi al centro valori antichi, come quelli legati alla solidarietà. Che negli ultimi anni sono purtroppo passati in secondo piano…". Non solo: "Impatto importante, ovviamente, anche in termini ambientali per la prevenzione e riduzione dei rifiuti, economici per i minori costi di smaltimento ed educativi per la consapevolezza di un consumo consapevole".

Un’"economia del dono", per citare l’ossimoro del presidente Last Minute Market Andrea Segrè. Che integra: "Il lavoro sta nel valorizzare quello che si ritiene rifiuto ma che, in realtà, ancora non lo è veramente. Lavoriamo in 12 regioni, con oltre 40 progetti attivi nei Comuni. Collaboriamo con le principali catene della distribuzione organizzata, decine di istituzioni, enti privati.E la provincia di pesaro e Urbino è un autentico esempio per la rete che si è creata…".

Ma cosa si può recuperare, in concreto, da un supermercato di 2mila metri quadri? La risposta di Last Minute Market: "Circa 45mila euro all’anno di prodotti che aiutano 2 onlus, con 15mila chili all’anno di rifiuti evitati e 25 persone al giorno aiutate".

Tarcisio Porto, assessore all’Ambiente: "Il progetto ci fa riflettere sul rapporto tra sistema distributivo e produttivo. Il 50 per cento della produzione va sprecata in Italia, bisogna rivedere il sistema. In questo senso, stiamo intervenendo con più di un milione di euro di fondi europei anche sulla pesca, per recuperare il pescato invenduto e trasformarlo a vantaggio della filiera corta".

Luca Bartolucci, presidente del consiglio provinciale: "Da piccolo mi indignavo in televisione per le immagini relative alla distruzione delle arance, voluta appositamente per non danneggiare il sistema alla base del settore. Non è etico produrre e distruggere. Last Minute Market ha dato una risposta alla mia indignazione. La società funziona se sono positive le relazioni tra persone. E questo progetto ci interroga sul tema, pone l’interrogativo dell’altro".

Per Caterina Tieri (Aset), "l’iniziativa è concreta e finalmente agevolerà anche la comunicazione e la prevenzione nelle scuole. Sarà un esempio per i ragazzi". Chiude l’amministratore delegato di Marche Multiservizi, Mauro Tiviroli: "Abbiamo sostenuto in modo convinto il progetto, anche per la nostra vocazione ambientale e sociale. La valenza è importante e vogliamo contribuire alla sua trasmissione, anche rispetto agli stakeholders con cui costantemente ci relazioniamo".






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-04-2012 alle 15:24 sul giornale del 05 aprile 2012 - 1178 letture

In questo articolo si parla di attualità, rifiuti, pesaro, matteo ricci, marche multiservizi, provincia di pesaro e urbino, aset, provincia pesaro urbino, vivere pesaro, recupero, filiera, luca bartolucci, rifiuti pesaro, last minute market

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/xnU





logoEV