Rimborso Iva sulla tassa rifiuti: la Cassazione ha detto si

rifiuti 1' di lettura 27/03/2012 - Dopo le mie reiterate, annose denunce su questo problema, rilevo soltanto una generalizzata indifferenza, incerti balbettii ed un vero e proprio muro di gomma, con l'unica esternazione di tante ovvietà da parte di coloro (tanti) che, invece, dovrebbero schierarsi con energica unanimità dalla parte del cittadino (vero e proprio caso di stalking passivo).

Ecco perché ritengo che, ormai, sia giunta l'ora di porre in essere una diffusa, immediata protesta civile: l'obiezione fiscale. Oltre al problema di essere rimborsati per le somme indebitamente pagate dal cittadino negli ultimi dieci anni, la vera questione ruota attorno alle bollette in corso di emissione. Consiglio, pertanto, ai cittadini di pagare solo in parte l'importo richiesto in bolletta, sottraendo la quota del 10% di IVA non dovuta, e specificando, nella causale del bollettino di pagamento, la dicitura: “TIA dedotta dell'IVA 10%”.

Si precisa che la legge non conferisce rilevanza penale ad una presunta eventuale evasione, essendo stato chiarito che non si tratta di una imposta in senso tecnico. Affinché la favola de “Il lupo e l'agnello” di Fedro, a distanza di oltre 2000 anni, non si ripeta e valga per tutti coloro i quali opprimono gli innocenti con finti pretesti (quando si vuole una giustificazione alla propria prepotenza, ogni pretesto è valido). Perché Pesaro non sia più una città sonnolenta!.


da dott. Benedetto Pansini
          difensore civico





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-03-2012 alle 14:58 sul giornale del 28 marzo 2012 - 2737 letture

In questo articolo si parla di difensore civico, attualità, rifiuti, pesaro, tassa rifiuti, vivere pesaro, Benedetto Pansini, notizie pesaro, iva sui rifiuti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/w1A





logoEV
logoEV