Albergatori e campeggiatori dicono no alla tassa di soggiorno

Tassa di soggiorno 2' di lettura 27/01/2012 - I rappresentanti degli imprenditori turistici dei Comuni di Mondolfo, Fano, Pesaro e Gabicce Mare aderenti a Confcommercio e Confturismo Marche Nord riuniti nella Sede di Confcommercio a Pesaro in merito alle discussioni in atto relativamente all’introduzione della Tassa di Soggiorno ed alle indiscrezioni circa presunti accordi tra operatori e Comune di Fano ribadiscono e confermano la propria ferma e decisa contrarietà all’introduzione della Tassa di Soggiorno

Una tassa che rischia di mettere fuori mercato la nostra offerta turistica in un momento di grave difficoltà economica per le famiglie e i consumatori. L’introduzione di una nuova tassa graverà fortemente sulle presenze e sui livelli occupazionali di un settore che potrebbe essere lo strumento di crescita economica per il nostro territorio. Gli operatori turistici aderenti a Confcommercio invitano gli Enti locali ad effettuare i necessari tagli e la riduzione degli sprechi gestionali prima di introdurre nuove tasse. Per i cittadini, e quindi anche per gli operatori, non è accettabile l’introduzione di nuove tasse mentre gli amministratori rinunciano a ridurre gli sprechi e l’ottimizzazione dei servizi. In questi giorni numerosi Comuni della vicina Romagna hanno già deliberato la non introduzione della Tassa di Soggiorno mantenendo, peraltro, nei bilanci le risorse per il settore.

Ciò rappresenterà un importante volano ed un forte strumento di concorrenzialità rispetto alla nostra offerta turistica qualora i nostri Comuni dovessero decidere per l’introduzione della tassa (pur avendo, peraltro, poche risorse per il turismo nei rispettivi bilanci). E la nostra contrarietà alla introduzione della tassa è relativa a tutto il territorio provinciale e, maggiormente, per il Comune di Pesaro che ha già deciso l’introduzione dell’IMU nella aliquota massima per tutte le strutture. Gli operatori ritengono necessario un approfondimento nei bilanci dei Comuni individuando, dopo i tagli e la riduzione dei costi, le misure per consentire l’approvazione dei bilanci. Confcommercio e Confturismo Marche Nord proseguiranno le loro iniziative sindacali e politiche per scongiurare l’introduzione della tassa.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-01-2012 alle 10:42 sul giornale del 28 gennaio 2012 - 730 letture

In questo articolo si parla di attualità, fano, confcommercio, pesaro, soldi, vivere pesaro, Confcommercio Pesaro ed Urbino, tassa di soggiorno, notizie pesaro

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/urE





logoEV
logoEV
logoEV