Nel segno di Rossini, tra arti della ceramica e della mensa

Agenzia IN.PU.T di Pesaro Nel segno di Rossini, tra arti della ceramica e della mensa 3' di lettura 10/08/2011 -

Venerdì 12 agosto 2011, alle ore 18 l’agenzia IN.PU.T nella sua sede di Pesaro in via Rossini, propone in occasione della XXXII edizione del Rossini Opera Festival (dal 10 al 23 agosto), un appuntamento dedicato all’immagine ed alla memoria della figura del grandissimo compositore pesarese, Gioachino Rossini.



L’inedita e particolare iniziativa è incentrata su due grandi espressioni culturali ed artistiche, gli artigianati ed i patrimoni enogastronomici storico-tradizionali della Provincia e della Regione, a cui INPUT dedica secondo missione la sua attività di promozione turistica, valorizzazione e divulgazione.

L’incontro, dal titolo “Nel segno di Rossini, tra arte della ceramica e della mensa”, proporrà infatti in apertura la presentazione della nuova statuetta “Gioachino, giovin signore”, una creazione della "Fonderia Bucci (la nuova società che gestisce il noto marchio della ceramica pesarese) su progetto di Carlo Piazzesi e dietro spunto dalla tradizione della ceramica di figura. L’opera si aggiunge alla collezione di statuette rossiniane create nel 2000 da Franco Bucci, fondatore dell’atelier omonimo. In questi anni le statuette raffiguranti Rossini (ispirate ad una caricatura di Dantan) sono state uno dei simboli della città, uno dei pochi esempi di oggetti di alto artigianato realizzati a memoria del “cigno” di Pesaro. Ancora una volta, quindi, le ceramiche Bucci sono liete di offrire alla Città un nuovo oggetto/simbolo che verrà presentato da Viviana Bucci della “Fonderia Bucci”, e da Claudio Paolinelli, storico dell’arte e della produzione ceramica.

Successivamente l’incontro sarà dedicato alla notoria dedizione di Gioachino Rossini per la cultura gastronomica. Il compositore pesarese negli anni del suo soggiorno d’Oltralpe coltivava, come tutti i grandi intellettuali ed esponenti della scena artistica e letteraria francese della sua epoca, una raffinata propensione per la gourmandise ed un interesse compiaciuto per tutti i saperi e le arti della mensa, considerate in quel contesto socio-culturale espressioni più che degne dell’ingegno e della civiltà umana, su cui disquisire con dotta ed autorevole consapevolezza.

L’intervento di Tommaso Lucchetti, storico della cultura gastronomica e dell’arte conviviale delineerà come la sensibilità di Rossini in cucina, nella creazione delle ricette a lui attribuite e negli aneddoti documentati, possa esprimere ed attestare lo spirito dei suoi tempi, caratterizzato da personalità eminenti che si professavano esperti gourmets, e da chefs geniali come Careme, artista decoratore di portate e conviti monumentali, non a caso amico dello stesso musicista. L’incontro, condotto dall’ambasciatore territoriale dell’enogastronomia Sara Bracci, si concluderà pertanto con un buffet curato dello chef Alberto Melagrana (ristorante “Antico Furlo”) e dal sommelier Otello Renzi, i quali nel proporre ricette originali rossiniane e dolci ispirati al compositore pesarese illustreranno la modernità ed il significato identitario per il territorio di una tradizione gastronomica nel nome del “Cigno di Pesaro”.

L’incontro, su prenotazione al numero 0721/1836768 , ha il costo di 5 euro.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-08-2011 alle 09:36 sul giornale del 11 agosto 2011 - 2309 letture

In questo articolo si parla di cultura, pesaro, provincia di pesaro e urbino, gioacchino rossini, turismo pesaro, in.pu.t, inpesarourbino, nel segno di rossini, tra arti della ceramica e della mensa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/oj3





logoEV