Continuano i week-end gastronomici

week end gastronomici 2' di lettura 29/04/2011 -

Sono le realtà della buona tavola, della tavola dell'entroterra pesarese: cucina di territorio, cucina che segue il ritmo delle stagioni. Se non fosse ormai una frase abusata, si dovrebbe dire "come nel bel tempo antico" della cucina delle nonne, in cui creatività e fantasia intervengono a modificare, senza stravolgere, la tradizione in questi luoghi dell'arte del buon mangiare. Domenica 1 maggio appuntamenti al Pavone Bianco Babbucce, Le Fontane Cagli, Osteria da Fofo Candelara, San Marco Montecopiolo, Silvana Carpegna.



Ma vanto ancor maggiore dell'iniziativa è di aver saputo legare i piaceri della tavola ad occasioni di conoscenza di luoghi suggestivi. Andare per "Week End" è anche andare per colline e per valli, per risalire sino ai più alti rilievi dell'Appennino. E' conoscere centri storici e borghi antichi ancora ben conservati, immersi in paesaggi che cambiano ad ogni svolta di strada, da Casteldelci, nell'alto Montefeltro, in terre mistiche e guerriere, quindi al confine con la Toscana, sino al "gibbo" del Catria, a Serra S. Abbondio, da cui sale la solitaria valletta che ospita l'Eremo di Santa Croce di Fonte Avellana che preannuncia luoghi di pace e di riflessione.

Infine un'ulteriore considerazione si impone. Per decenni i singoli operatori sono stati lasciati in balia di se stessi, esposti al vento altalenante del ciclo economico, senza un quadro di riferimento. Oggi, se non altro, i Week End Gastronomici offrono una vetrina e un termine di confronto di strutture e di comportamenti. Questo è un aspetto non secondario di quel grande fenomeno che è il turismo, che non esaurisce il suo obbiettivo produttivo nel "cosa", ma basa lo scambio economico anche sul "come", che assume spesso uno spessore emotivo condizionante. Questa iniziativa serve anche a valorizzare le caratteristiche dell'accoglienza e dell'ospitalità e migliorarne le qualità, che non nascono dal prezzo stracciato, ma, soprattutto, dal fattore umano dell'imprenditore e dei suoi collaboratori.

La Confcommercio di Pesaro e Urbino e la Camera di Commercio che da anni sono i promotori e gli organizzatori dell'iniziativa e Banca delle Marche che la segue e la sponsorizza, ritengono di essere nel giusto nell'assistere una manifestazione che concorre a comporre il quadro unitario e comunicativo del mosaico dell'offerta turistica provinciale, che resta, e lo sarà certamente anche in un prossimo futuro, una componente non secondaria della economia del territorio.

Prenotazione obbligatoria.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-04-2011 alle 11:27 sul giornale del 30 aprile 2011 - 1074 letture

In questo articolo si parla di attualità, pesaro, Ascom Pesaro, week end gastronomici, cucina pesaro, ristoranti pesaro, turismo pesaro

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/kao





logoEV
logoEV
logoEV