Stazione di Pesaro, cronaca di un sopralluogo

sopraluogo stazione pesaro 2' di lettura 04/04/2011 -

L’annunciata mobilitazione lanciata dal consiglio provinciale (e sposata dal presidente Matteo Ricci, ndr), alla fine si rivela un «evento» allargato anche ad assessori e consiglieri comunali. E così il sopralluogo alla stazione ferroviaria di Pesaro, «necessario per rispondere alle esigenze dei cittadini e del territorio», vede scendere in campo una «pattuglia» ben più folta dell’atteso manipolo di amministratori. 



C’è chi, come il consigliere provinciale del Pdl Roberto Giannotti, fa l’elenco delle emergenze da risolvere («Accelerare i lavori di ristrutturazione della pensilina fra i binari; risanare il sottopasso; garantire il funzionamento dell’ascensore; potenziare l’organico della Polfer l’impianto di illuminazione del percorso pedonale lato Miralfiore; realizzare il parcheggio pubblico gratuito al Miralfiore; rivedere le tariffe d’uso del parcheggio pubblico a pagamento») e chi, come l’assessore comunale Andrea Biancani, declina gli interventi già effettuati da Ferrovie dello Stato («Restyling e tinteggiatura del fabbricato principale; pulizia delle parti in marmo all’esterno, sostituzione degli infissi, revisione dei meccanismi automatici delle porte d’accesso, sistemazione della sala d’attesa, rifacimento dei bagni dei disabili e del marciapiede esterno, del percorso tattile per i non vedenti e della pensilina esterna, per un totale di 575mila euro»).

Sugli altri nodi, in primis impermeabilizzazione del sottopasso e ulteriore prolungamento dell’orario di apertura (portata nei giorni scorsi da Ferrovie dello Stato alle 23.20, ndr), la convergenza è bipartisan: «Vogliamo che sia possibile accedere alla biglietteria fino alle 24», sottolinea il presidente della commissione consiliare provinciale Giuseppe Magnanelli (Pd). E Minardi: «Bisogna intervenire per l’anti-sdrucciolo nel sottopasso. E per il rifacimento dei soffitti, imbevuti d’umidità. Da Ferrovie dello Stato ci aspettiamo la sensibilità che una stazione di capoluogo di provincia merita, già nell’incontro convocato domani (martedì 5 aprile) in Provincia, con l’ingegnere Maria Grazia De Vita e gli altri rappresentanti». Chiude Matteo Ricci: «Le iniziative intraprese insieme stanno dando i primi risultati. Ci sono prospettive buone per il parcheggio lato Miralfiore, che potrà diventare pubblico con la trattativa condotta dal Comune. Rimangono gli ultimi lavori da effettuare, ma il piano per la riqualificazione definito da Ferrovie dello Stato è chiaro e continueremo le nostre verifiche».

Sulla sicurezza: «Non sottovalutiamo nulla, anche se, come testimoniato dalla classifica pubblicata oggi dal Sole 24 Ore, siamo la terza provincia più sicura d’Italia, grazie al grande lavoro fatto dalle forze dell’ordine. Ma non abbassiamo la guardia». Al suo fianco, l’assessore comunale Riccardo Pascucci conferma.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-04-2011 alle 20:13 sul giornale del 05 aprile 2011 - 1480 letture

In questo articolo si parla di attualità, pesaro, matteo ricci, Provincia di Pesaro ed Urbino, stazione pesaro

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/jfl





logoEV
logoEV