Denunciato finto 'ufficiale giudiziario' intento a rubare gratta e vinci nelle tabaccherie

gratta e vinci 1' di lettura 24/03/2011 -

Trasferito a Pesaro da qualche mese, A.B. 66enne, di origine casertana, entrava in tabaccheria, offriva caciotte e mozzarelle di bufala campana ai proprietari poi li distraeva con la scusa di fare fotocopie o inviare fax e nel frattempo rubava interi blocchi di “Gratta e Vinci” dal bancone.



A seguito di varie denunce già dal mese di gennaio, i carabinieri hanno identificato il finto “ufficiale giudiziario” cogliendolo sul fatto. L'uomo si presentava ai tabaccai con atteggiamenti cortesi e dichiarava di essere un ufficiale giudiziario. Offriva loro prodotti tipici della sua zona, richiedeva di fare fotocopie e fax e approfittava del momento per derubare i soldi della cassa e interi blocchi di “Gratta e vinci” dal banco.

Diverse le tabaccherie ingannate dall'uomo, in via Flaminia e in via Giolitti. Grazie alle telecamere di sorveglianza e alle denunce ricevute già dal mese di gennaio, i carabinieri sono riusciti a prendere l'uomo sul fatto.

La successiva perquisizione ha permesso ai militari di ritrovare due borsoni colmi di grattini, sigari, sigarette, confezioni di pocket coffee e caramelle. A.B., pensionato incensurato, è stato denunciato per il reato di furto aggravato continuato.






Questo è un articolo pubblicato il 24-03-2011 alle 17:56 sul giornale del 25 marzo 2011 - 1237 letture

In questo articolo si parla di cronaca, pesaro, soldi, gratta e vinci, tabaccai, roberta baldini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/iQC





logoEV