'Caino' del Teatro Valdoca inaugura TeatrOltre

Amat 3' di lettura 01/03/2011 -

Sarà uno degli spettacoli più attesi dell’anno – Caino del Teatro Valdoca – ad inaugurare sabato 5 marzo l’attesa settima edizione di TeatrOltre, rassegna unica nelle Marche promossa dalla Fondazione Teatro della Fortuna di Fano, dai Comuni di Pesaro e Urbino, ai quali si aggiunge quest’anno Urbania, dalla Provincia di Pesaro e Urbino e dall’AMAT in collaborazione con Regione Marche e Ministero per i Beni e le Attività Culturali.



Un palcoscenico per le più importanti esperienze della scena contemporanea, è questo l’obiettivo di TeatrOltre i cui appuntamenti sono espressione dei linguaggi più innovativi del panorama italiano ed internazionale. Caino è l’ultima creazione di Cesare Ronconi e Mariangela Gualtieri artefici di Teatro Valdoca, la storica formazione del teatro di ricerca italiano che continua a distinguersi per il suo costante impegno nella contemporaneità. Un’opera corale, immaginifica, di grande impatto emotivo che trasforma il racconto biblico in un mito straordinariamente moderno dove la figura di Caino assume, nei riguardi del male, complessità e spessore. Lo spettacolo - uno dei grandi affreschi del Teatro Valdoca che potremmo definire un rito in onore dell’essere umano e delle sue oscurità, ma anche di quei pallidi raggi di luce che risiedono superstiti dentro tutti noi e in cui si fondono ancora una volta tutte le arti - è grande non solo per numero ed eccellenza di chi vi partecipa ma anche per sottigliezza, passione, durata di studio e di lavoro.

Protagonisti della scena l’attore cult Danio Manfredini (Caino), la danzatrice Raffaella Giordano, Leonardo Delogu e un gruppo di giovani interpreti, mossi dalle potenti parole di Mariangela Gualtieri anche lei in scena. “Lo spettatore – scrive la compagnia nelle note allo spettacolo - si troverà di fronte ad un allestimento non narrativo, visionario, molto dinamico, in cui il sogno pare il terreno più adatto per accogliere i temi cangianti di questa pagina della Genesi. Al centro c’è l’inquietante, affascinante primo nato del mondo, che non solo uccide ma anche edifica la prima città e dà inizio alla parabola tecnologica che arriva fin qui. Caino somiglia a noi, uomini e donne di questo tempo: siamo soli quanto lui, distruggiamo la vita fuori e dentro di noi, siamo ormai senza un’idea di prossimo, e anche attivi quanto lui, lontani da qualunque tema celeste, tutti votati alla quantità”. La regia dello spettacolo è di Cesare Ronconi, che firma anche le luci e le scene, il testo di Mariangela Gualtieri. Il cast si completa con Giacomo Garaffoni e il coro di Susanna Dimitri, Sara Leghissa, Isabella Macchi, Silvia Mai, Daria Menichetti, Mila Vanzini. La musica dal vivo è eseguita da Enrico Malatesta (percussioni) e Alice Berni (elettronica). I costumi sono di Sofia Vannini, la fonica e la ricerca del suono di Luca Fusconi, le sculture di Erich Turroni e Verter Turroni, le costruzioni in legno di Maurizio Bertoni, le macchine del suono di Antonio De Luca e le macchine di luce di Stephan Duve.

I biglietti (posto unico numerato 10 euro, ridotto giovani e studenti 8 euro) saranno in vendita presso la biglietteria del Teatro Rossini (0721 638882) venerdì 4 marzo con orario 9.30-12.30 e 16.30-19.30 e nel giorno di spettacolo con orario 9.30-12.30 e 16.30-19.30 e dalle 20.30 in poi.

Per informazioni: Teatro Rossini 0722 387620, AMAT biglietteria di Pesaro 0721 638882, AMAT biglietteria di Ancona 071 2072439. Inizio spettacolo ore 21.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-03-2011 alle 16:13 sul giornale del 02 marzo 2011 - 1081 letture

In questo articolo si parla di spettacolo, fano, urbino, pesaro, amat, teatroltre, Decamerone, Barbara Mancia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/hVg