Piano antismog, possibili deroghe ai veicoli di artigiani e commercianti

CNA 21/01/2011 -

La Regione Marche potrebbe essere disponibile a concedere delle deroghe per quanto riguarda l’ingresso nelle cosiddette zone blu di mezzi Euro 1 e Euro 2 in dotazione ad artigiani e commercianti, ma solo per un periodo limitato di tempo, forse fino a settembre.



E’ questo l’esito di un incontro tecnico che si è tenuto venerdì mattina in Regione ed al quale hanno partecipato i rappresentanti di CNA Pesaro (Riccardo Battisti, Cna Fita e Antonio Bianchini della segreteria CNA) e CNA Marche (Marco Bilei). Nel corso della riunione che ha visto come interlocutori funzionari e tecnici della Regione Marche, si è discusso dell’ordinanza regionale relativa al Piano antismog e delle relative direttive ai Comuni in ordine alle limitazioni al traffico. Relativamente alla prima esperienza regionale, ovvero l’ordinanza emanata nei giorni scorsi dal Comune di Pesaro, CNA ha esposto le ragioni della protesta dei propri associati elencando tutta una serie di attività che sono state fortemente penalizzate dall’entrata in vigore del provvedimento. Secondo gli attuali parametri moltissimi veicoli Euro 1 ed Euro 2 diesel (molti dei quali venduti fino al 2001), in dotazione ad artigiani e commercianti non possono circolare nella cosiddetta zona blu. Vetture furgonate, camioncini, furgoni ai quali sono interdette intere zone della città. E così decine di fornai, pasticceri, manutentori (caldaisti, ascensoristi), impiantisti (idraulici, elettricisti), artigiani edili ed ancora distributori di materiali e generi alimentari con l’attuale ordinanza non possono raggiungere condomini, abitazioni e/o negozi del centro e delle zone adiacenti a causa del provvedimento.

Di fronte a questi gravi disagi CNA ha chiesto una deroga all’ordinanza regionale da applicare ai veicoli di attività artigianali e commerciali. Alle richieste delle associazioni, i tecnici della Regione Marche hanno mostrato disponibilità ad esaminare le proposte a patto che queste vengano al più presto formalizzate ed articolate. Una seconda fase prevederà la fattibilità di un nuovo provvedimento con l’eventuale emanazione di deroghe (seppure a carattere temporaneo), per i veicoli ad uso artigianale e commerciale. La CNA di Pesaro, che per prima si è spesa per organizzare un tavolo con la Regione Marche, esprime soddisfazione per l’esito dell’incontro. “Certo - dicono Battisti e Bianchini - ora occorre seguire attentamente anche l’iter politico del provvedimento affinché la vicenda possa concludersi come noi auspichiamo, ovvero con l’emanazione delle deroghe richieste. In una seconda fase occorrerà poi discutere di provvedimenti che possano introdurre finanziamenti locali (oltre a quelli esistenti a livello nazionale), per l’acquisto di veicoli meno inquinanti a favore delle categorie interessate”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-01-2011 alle 16:28 sul giornale del 22 gennaio 2011 - 986 letture

In questo articolo si parla di attualità, cna, smog, commerciante, artigiano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/gyY