Cantiere, gli operai chiedono il fallimento

1' di lettura 13/09/2010 -

E' stata depositata presso il Tribunale di Pesaro l'istanza di fallimento dei cantieri navali avanzata da una cinquantina di dipendenti. I lavoratori da nove mesi sono senza retribuzione e non hanno ancora ottenuto la cassa integrazione.



Assistiti dagli avvocati della Cgil e della Uil, chiedono che il giudice dichiari fallita l'azienda. Questa soluzione sarebbe meno traumatica per le maestranze.

Intanto per mercoledì 15 ottobre è stat fissata un'udienza sulla richiesta di concordato promossa dalla proprietà, la Careri di Novara. Per ottenere l'ammissione al concordato sarebbe necessario depositare 20 milioni di euro.

I sindacati però ipotizzano che l'azienda non disponga della liquidità e per lo stesso giorno hanno indetto un picchetto davanti al palazzo di giustizia.






Questo è un articolo pubblicato il 13-09-2010 alle 18:26 sul giornale del 14 settembre 2010 - 1116 letture

In questo articolo si parla di attualità, francesca morici, pesaro, cantiere

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/b6z





logoEV