Palio di Rocca Costanza, prosegue la battaglia degli ambientalisti

3' di lettura 20/07/2010 -

A distanza di ormai pochi giorni da quella che secondo gli organizzatori della manifestazione già Palio Rossini, poi Palio di Rocca Costanza, ora “Giostrando”, dovrebbe diventare (Dio ce ne scampi) “l’evento di Pesaro”, grazie alla quale Pesaro dovrebbe diventare famosa in tutto il mondo conosciuto – che presunzione per chi non conosce Pesaro, la sua storia, la sua vita, i suoi figli, le sue attività - le 12 Associazioni Animaliste, Ambientaliste, Culturali hanno trovato un comune denominatore nella “battaglia” contro questa quantomeno brutta fotocopia di centinaia di altre iniziative similari che riempiono da decenni qualsiasi "borgo e castello".



Le associazioni intervengono ancora una volta per rilevare ed evidenziare che:

- grazie al pressante intervento delle stesse si è passati dal pericolosissimo (certamente per i cavalli, se non anche per gli spettatori) progetto iniziale (contemporanea corsa di 6 cavalli nel fossato della Rocca), alla ipotesi attuale (percorso di 30 metri, ripetuto più volte, con prova di abilità del “fantino”);

- gli interventi dell’Assessore Belloni, a seguito delle sollecitazioni delle citate Associazioni, hanno contribuito ad arrivare all’attuale ridimensionato progetto;

- un fondamentale sostegno alle ragioni addotte dalle Associazioni è stato portato dagli oltre 2.500 cittadini che tramite raccolta firme, petizione via internet, pagine di Facebook, sondaggio di un quotidiano hanno apertamente manifestato la propria contrarietà all’iniziativa in assoluto ed in particolare all’uso strumentale dei cavalli, segnale incontrovertibile di un “comune sentire” diffuso e generalizzato;

- il Comune di Pesaro, ad oggi, non sembra aver rilasciato il proprio “patrocinio” all’iniziativa;

- la Società organizzatrice ha presentato la “Richiesta di Autorizzazione” oltre il termine di 30 giorni previsto, risultando la stessa protocollata soltanto in data 29.06.10, già solo per questo, da respingere! L’eventuale Autorizzazione verrà rilasciata dal Comune soltanto successivamente alla verifica sul posto che verrà effettuata venerdì, alla presenza della Commissione comunale, di Tecnici e di alcuni rappresentanti delle Associazioni Animaliste;

- due Associazioni (LAV e La Lupus in Fabula), con il sostegno di tutte le altre, hanno presentato formale Diffida agli Organi competenti (Sindaco, Carabinieri, ASL, Procura, Prefetto, Ministero), che contiene tutti i riferenti legislativi e normativi a cui Enti ed Organizzatori dovranno attenersi, con il preavviso di impugnare eventuali procedimenti legali nell’ipotesi del mancato rispetto di quanto richiesto dalla Legge ed anche dal Regolamento Comunale;

- in sintesi, permane il giudizio sostanzialmente negativo, seppur stemperato dalla sostanziale modifica dell’originario insensato progetto, delle 12 Associazioni e dei Cittadini verso una iniziativa davvero povera di contenuti culturali, storici, di vita civile, irrispettosa del Luogo e che – non lo si dimentichi – prevede tuttora l’utilizzo di 6 cavalli in una sorta di “prova cronometrata” non libera da rischi per i cavalli e certamente portatrice di forte stress per gli stessi, il tutto unicamente per il puro divertimento di “noi umani”.

Alcuni rappresentanti delle associazioni saranno presenti la sera del 24 luglio con l’espresso intento di verificare analiticamente il pieno rispetto degli obblighi posti a carico degli organizzatori e degli enti che avranno autorizzato la manifestazione, con particolare riferimento al fondo del campo su cui si svolgeranno le “prove cronometrate” che dovrà essere idoneo ad attutire l’impatto degli zoccoli degli equidi e ad evitare scivolamenti, alle protezioni laterali lungo il percorso nonché ai controlli del doping sui cavalli e sui fantini oltre, per quest’ultimi, l’esame dell’alcol test, che dovranno essere effettuati, da personale competente, prima dell’inizio della gara.

Animalia - Circolo Rosso&Verde - Coordinamento Provinciale Associazioni Animaliste - Enpa -Sezione di Pesaro Urbino - Italia Nostra - Sezione di Pesaro Urbino - La Lupus in Fabula - Lav - Sezione Equidi - Legambiente Pesaro - Lipu - Delegazione di Pesaro - Oipa - Sezione di Pesaro Urbino - Osiride di Fano - WWF - Sezione di Pesaro Urbino






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-07-2010 alle 19:40 sul giornale del 21 luglio 2010 - 802 letture

In questo articolo si parla di attualità, rocca costanza, Circolo Rosso&Verde

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aru





logoEV